L'Auto mondiale perde sprint

Dopo anni col turbo (e credito facile) cedono vendite e forniture

L'Auto mondiale perde sprint
Fiat-Chrysler è nella tenaglia della Commissione europea, che ha aperto contro l’Italia una procedura d’infrazione per insufficienti controlli sulle emissioni della 500 X, e del dipartimento di Giustizia americano, pronto a contestare l’installazione di un software illegale per aggirare i controlli sull’inquinamento di Jeep e Ram. Entrambe le accuse non sono nuove e il gruppo di Sergio Marchionne fa il possibile per allontanare lo spettro del cosiddetto “dieselgate” che costò alla Volkswagen una multa di 14 miliardi di dollari, poi...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi