Italiani soddisfatti delle loro condizioni di vita: è la prima volta dopo cinque anni

Per l'Istat la distribuzione geografica delle lamentele declina difficoltà diverse

italia

foto di Moyan Brenn via Flickr

Per la prima volta dopo cinque anni, gli italiani sono soddisfatti delle loro condizioni di vita. Lo certifica l'Istat, che un po' a sorpresa fa riferimento anche alla situazione economica e lavorativa di famiglie e individui, nonostante l'Italia sia l'epicentro di conclamati problemi europei. Stabile, invece, la soddisfazione rispetto al 2015 in seno a famiglia e amici, salute e tempo libero.

 

Economicamente parlando, la quota di persone di 14 anni e più soddisfatte delle proprie condizioni aumenta dal 47,5 per cento del 2015 al 50,5 del 2016. Quest'anno è cresciuta pure la quota di famiglie che giudicano la propria situazione economica invariata (dal 52,3 per cento del 2015 all'attuale 58,3) o addirittura migliorata (dal 5 al 6,4 per cento) e le proprie risorse economiche adeguate, passando in questo caso dal 55,7 per cento al 58,8.

 

Positivo il trend delle persone di 14 anni e più che esprimono alta soddisfazione per la propria vita nel complesso: dal 35,1 per cento dello scorso anno all'attuale 41 per cento. Al progredire dell'età, però, secondo i dati Istat corrisponde una minore felicità: si ritengono “altamente soddisfatti” il 54,1 per cento dei giovani tra i 14 e i 19 anni e solo il 34,4 per cento degli over 75. Fanno eccezione i “giovani adulti” e i “giovani anziani”, compresi rispettivamente nelle fasce 35-44 e 65-74 anni: in entrambi i casi la quota di coloro che indicano punteggi più alti è superiore rispetto alla classe di età che li precede.

  

Rito civile e divorzio breve. Come cambia la famiglia secondo i dati Istat

Aumentano i matrimoni, ma anche le separazioni. Luci e ombre dal rapporto dell'Istituto di statistica

 

Ad ogni modo non è tutto un libro Cuore. Pesano in termini negativi le preoccupazioni per il rischio criminalità (38,9 per cento, leggermente in calo), inquinamento dell’aria (38 per cento), traffico (37,9) e difficoltà di parcheggio (37,2%). Seguono con il 33 per cento sporcizia nelle strade e con il 32,9 per cento la difficoltà di collegamento con i mezzi pubblici, dati entrambi in aumento rispetto a dodici mesi fa.

 

La distribuzione geografica delle lamentele declina difficoltà diverse. Al nord le famiglie segnalano come problema soprattutto l’inquinamento dell’aria (42 per cento), a seguire la criminalità. Nelle regioni del centro, oltre alla presenza di criminalità, i problemi più sentiti sono il traffico (42,6 per cento) e le difficoltà di parcheggio (40,8), così come per le famiglie del Mezzogiorno, con numeri un po' diversi: rispettivamente 37,9 e 38,7 per cento. Al sud, più che altro, non va il collegamento con i mezzi pubblici, preoccupazione principale dei residenti con il 37,6 per cento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    22 Novembre 2016 - 16:04

    Cara Redazione, sono andato a vedere sul sito ISTAT i dati, la prima tabella è " Prospetto 1-Persone di 14 anni e oltre.........." andatela a controllare è facile è la prima tabella: dal 2010 al 2016 la mediana(*) dei punteggi è 7 non varia, cioè, dal 2010 al 2016 e varia di pochissimo la media(**) (sempre dal 2010 al 2016) ovvero 7,3- 7,3- 7,0- 6,9- 7,0-6,9- 7,2; quindi, addirittura a) la mediana è 7 per tutti gli anni dal 2010 al 2016 non varia; b) la media, addirittura, rispetto al 2010 (7,3) è diminuita (7,2) e la maggior diminuzione (6,9) si ha negli anni 2013 e 2015. (*) la mediana è un valore geometrico ( di posizione) e si pone esattamento a metà della classificazione su 100 il 50esimo posto) e, al contrario della media, non è "tirato" in basso o in alto dalla quantità dei valori nella distribuzione. (**) la media (somma dei valori diviso il numero) dipende dalla quantità dei valori nella distribuzione, è quindi meno precisa della mediana.

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    22 Novembre 2016 - 16:04

    "Al sud, più che altro, non va il collegamento con i mezzi pubblici, preoccupazione principale dei residenti": immagino l'ISTAT, si riferisca al sud della California. Il "più che altro", è una battuta degna di Crozza. Ma come fanno a pensare (" più che altro"), al sud, ai mezzi di trasporto (endemico da sempre), con il 65/70 % dei 14-24enni disoccupati? ( e mi taccio, per carità di patria sul sistema sanitario).

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    22 Novembre 2016 - 15:03

    Su questa certificazione dell'Istat avanzo seri dubbi. Mi ricorda, nella ricerca degli intervistati, la statistica del pollo della famosa poesia del grande Trilussa.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    22 Novembre 2016 - 13:01

    Ma per riportare le cose al loro posto si apprestano a votare per il ritorno di D'Alema, Bersani, Brunetta...

    Report

    Rispondi

    • quadroemerito

      22 Novembre 2016 - 18:06

      Temo che andrà così, purtroppo. D'altra parte la gente è strana, se pensiamo che dettero pure il benservito a uno come Churchill dopo la vittoria sul nazismo.

      Report

      Rispondi

Servizi