cerca

Sgravi per chi assume al sud: ci sono 530 milioni

Come annunciato dal governo la scorsa settimana, il provvedimento è stato trasmesso alla Corte dei conti, che entro trenta giorni darà il via libera rendendolo operativo.

21 Novembre 2016 alle 18:04

operai lavoro

operai al lavoro (foto di Michael Coghlan via Flickr)

Le decontribuzioni per chi assume a tempo indeterminato al sud nel 2017 poggeranno su un fondo di 530 milioni di euro gestito dall'Inps. È quanto prevede l'atto predisposto dal ministero del Lavoro, dando forma all'annuncio di Renzi della scorsa settimana. Il provvedimento è stato trasmesso alla Corte dei conti, che entro trenta giorni darà il via libera rendendolo operativo, a meno di intoppi.

L’eredità nefasta dell’Articolo 18

I dati Istat, la produttività mancata e il posto fisso. Altro che dàgli al Jobs Act. Intanto il governo approva sgravi per chi assume al sud 


Lo sgravio, come si legge nel documento, è pari alla “contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, con esclusione di premi e contributi dovuti all'Inail, nel limite massimo di 8.060 euro per lavoratore assunto”. La decontribuzione vale per chi assume giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni e lavoratori di almeno 25 anni senza “impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi”. Come detto la misura è rivolta esclusivamente al Mezzogiorno: le regioni interessate sono Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Abruzzo, Molise e Sardegna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi