Il Papa avverte: "La Madonna che manda messaggi come un capo ufficio della posta non è cattolica"

Francesco parla ai superiori degli ordini religiosi e mette in guardia dalla "Madonna superstar". La pedofilia "è una malattia", in Vaticano "c'è corruzione ma dormo sereno".

Il Papa avverte: "La Madonna che manda messaggi come un capoufficio della posta non è cattolica"

Papa Francesco (LaPresse)

Roma. “Non prendo pastiglie tranquillanti! Gli italiani danno un bel consiglio: per vivere in pace ci vuole un sano menefreghismo. Io non ho problemi nel dire che questa che sto vivendo è un’esperienza completamente nuova per me”. Sono parole di Papa Francesco, nel colloquio con i superiori degli ordini religiosi pubblicato integralmente nell’ultimo numero (il 4.000) della Civiltà Cattolica e anticipato oggi dal Corriere della Sera. “A Buenos Aires ero più ansioso, lo ammetto. Mi sentivo più teso e preoccupato. Insomma: non ero come adesso. Ho avuto un’esperienza molto particolare di pace profonda dal momento che sono stato eletto. E non mi lascia più. Vivo in pace”.

 

Quanto ai problemi e agli scandali, Francesco ammette: “C’è corruzione in Vaticano. Ma io sono in pace. Se c’è un problema, io scrivo un biglietto a san Giuseppe e lo metto sotto una statuetta che ho in camera mia. E’ la statua di san Giuseppe che dorme. E ormai lui dorme sotto un materassi di biglietto! Per questo io dormo bene: è una grazia di Dio. Dormo sempre sei ore. E prego”.

 

C’è un passaggio sulla devozione a Maria che merita sottolineatura. Parlando delle tre tematiche mariane scelte per le prossime tre Giornate mondiali della gioventù, il Papa ci tiene a specificare l’importanza della “Madonna vera! Non la Madonna capo ufficio postale che ogni giorno manda una lettera diversa, dicendo: ‘Figli miei, fate questo e poi il giorno dopo fate quest’altro’. No, non questa. La Madonna vera è quella che genera Gesù nel nostro cuore, che è Madre. Questa moda della Madonna superstar, come una protagonista che mette se stessa al centro, non è cattolica”.

 

Commentando il prossimo Sinodo sui giovani, Bergoglio ribadisce che “nella formazione siamo abituati alle formule, ai bianchi e ai neri, ma non ai grigi della vita. E ciò che conta è la vita, non le formule. Dobbiamo crescere nel discernimento. La logica del bianco e nero può portare all’astrazione casuistica. Invece il discernimento è andare avanti nel grigio della vita secondo la volontà di Dio. E la volontà di Dio si cerca secondo la vera dottrina del Vangelo e non nel fissismo di una dottrina astratta”.

 

Infine, un passaggio sui casi di abusi sessuali sui minori: “Parliamoci chiaro: questa è una malattia. Se non siamo convinti che questa è una malattia, non si potrà risolvere bene il problema. Quindi, attenzione a ricevere in formazione candidati alla vita religiosa senza accertarsi bene della loro adeguata maturità affettiva. Per esempio: mai ricevere nella vita religiosa o in una diocesi candidati che sono stati respinti da un altro seminario o Istituto senza chiedere informazioni molto chiare e dettagliate sulle motivazioni dell’allontanamento”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giuseppezavaroni

    10 Febbraio 2017 - 17:05

    Non isa mai che la Mdonna superstar faccia ombra al papa superstar!

    Report

    Rispondi

  • Linorossi2199

    09 Febbraio 2017 - 19:07

    per la verità al centro di tutto c'è Cristo non la Madonna nonostante il ruolo che il cattolicesimo le attribuisce

    Report

    Rispondi

    • iksamagreb@gmail.com

      iksamagreb

      09 Febbraio 2017 - 21:09

      Nonostante caro fratello Lino vorrebbe dire che la madre del Figlio di Dio è di ostacolo a Cristo? Tanto per stare in argomento la invito a leggere tutte le migliaia o uno qualsiasi dei messaggi da Medjugorje, e la invito ad individuare una sola espressione della Regina della Pace - perché così la Madonna intende essere interpretata in questo momento storico in quelle apparizioni - che non sia un accorato, insistente fino all'inverosimile invito a riaccostarsi a Suo Figlio Gesù, ad ascoltarLo, a fissarLo sulla croce Sacrificio per noi, ad abbandonarci totalmente a Lui. Per giudicare Medjugorje, o si va di persona a constatare o si rischia la blasfemia.

      Report

      Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    09 Febbraio 2017 - 14:02

    La Madonna che manda messaggi non è cattolica? Mossieű Bergoglio, mi viene qualche "dubia": se il successore di Pietro con mandato di confermare nella fede i fratelli, deve anche autorizzare e decidere - lui con labe originalis concepto, lui infallibile solo nei dogmi ma non impeccabile e potenzialmente fallibile per il resto - anche cosa debba fare o non fare la Madre di Gesù Cristo, Madre della Chiesa, Madre del Creatore e del Salvatore, Sede della Sapienza, Vergine Madre Figlia del Suo Figlio, umile ed alta, più che creatura, l'unica persona creata già in Paradiso in anima e corpo come Gesù ecceccecc per dire che de Maria numquam satis. Un successore di Pietro che -salvo sui dogmi, per ora - ha messo confusione mentale nella dottrina della fede cattolica, come dimostrano i dubia di cardinali pro e contro non si sa, nemmeno dopo l'ultima intervista rilasciata al Timone dal Card.Muller.Per non parlare di tutte le apparizioni anche lunghissime degli ultimi secoli. Tirèmm innanz vàh!

    Report

    Rispondi

  • scaranodavide

    09 Febbraio 2017 - 11:11

    Se i cattolici comprendessero e mettessero in pratica i messaggi mariani, che poi richiamano a Cristo, forse Lei parlerebbe meno. Semplice, no?

    Report

    Rispondi

Servizi