Domani staccheranno la spina al piccolo Charlie

Negata anche l'ultima richiesta dei genitori che volevano portare il figlio a casa prima di lasciarlo morire 

Domani staccheranno la spina al piccolo Charlie

Il piccolo Charlie Gard (foto Facebook)

Domani sarà spenta la macchina per la ventilazione assistita che tiene in vita il piccolo Charlie. Lo hanno detto i suoi genitori al Daily Mail, aggiungendo anche che le autorità del Great Ormond Street Hospital di Londra hanno respinto la loro richiesta di portare il figlio a morire a casa. "Abbiamo promesso al nostro piccolo bimbo ogni giorno che l’avremmo riportato a casa" ha detto Connie Yates al quotidiano britannico. "Vogliamo fargli fare un bagnetto a casa, coricarlo nella culla dove non ha mai dormito, ma adesso tutto questo ci viene negato", ha aggiunto Chris Gard. 

   

Charlie Gard, affetto da una malattia rara, è tenuto in vita da ottobre. Nonostante la volontà dei genitori di portarlo in America e curarlo, gli è stata negata la prosecuzione delle terapie perché configurerebbe accanimento terapeutico sia secondo l'ospedale che secondo la Corte europea di Strasburgo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • turacchigloria@hotmail.com

    turacchigloria

    30 Giugno 2017 - 15:03

    Conosco poco la storia ma credo che nell'impossibilità a modificare una situazione irreversibile, ci debba essere la pietà per questa giovanissima vita a non proseguire nel nulla assoluto della sua esistenza e che il suo dolore non possa essere forzato a continuare per l'egoismo emotivo dei suoi genitori. I medici conoscono perfettamente la sua situazione clinica e i genitotri conoscono solo la loro straziante sofferenza per la perdita di questa creatura che non ha vissuto ma solo sofferto. Io invece mi domando quale sia il significato di questa venuta al mondo e me lo chiedo per coloro che credono che la vita sia un dono di Dio! Come può un Dio aver fatto un dono così terrificante?

    Report

    Rispondi

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    29 Giugno 2017 - 18:06

    L'accanimento dei terapeuti verso i genitori non e' considerato accanimento terapeutico? Hanno paura che a casa abbiano nascosto un ventilatore di contrabbando e che il bambino non muoia come da programma?

    Report

    Rispondi

Servizi