La felicità secondo Saviano

Hanno chiesto allo scrittore: si può essere felici in Italia? Lui ha risposto così

La felicità secondo Saviano

Foto LaPresse

Hanno chiesto a Roberto Saviano: si può essere felici in Italia? Lui ci ha pensato un po’, poi ha risposto: “Per me non si può esserlo, adesso. Perché per me la felicità non è un affare privato, ma coinvolge tutti”. Ora. Proprio giurarci non potrei, ma credo, a occhio, che sia il primo caso al mondo in cui un intellettuale di grosso calibro confonde la felicità con la Marcialonga.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gheron

    06 Luglio 2017 - 12:12

    Non abbiamo capito e ce lo rispiega, vedrete. "...di grosso calibro..." sta per "...tutto d'un pezzo...".

    Report

    Rispondi

  • strambo

    06 Luglio 2017 - 12:12

    Era alla fine. In croce. Artigliato da atroci dolori e da un atroce dubbio. Per un attimo, dubitò del Padre. Giù, ai piedi della croce, un miliziano romano, per crudele scherno, o per crudele noia, domandò: “Gesù, tu che prometti il Paradiso a destra e a manca, ma in un altro mondo; secondo te, in questo mondo, in qualche modo, in qualche misura, è possibile essere felici?”. Il povero Cristo, che non aveva alcun dubbio sulle crudeli debolezze degli uomini, con l’ultimo filo di voce, rispose: “Sì, è possibile, qualche godimento.” E subito il miliziano: “Quale? Come?”. E Cristo, con l’ultimo fiato: “Chiagnendo e fottendo”. Come sa chiagnere Saviano, nessuno!, ma pure la Boldrini non scherza, tanto che fanno apparire come una madre senza cuore persino la più addolorata delle Madonne. A mano manca è tutto un piagnisteo. A mano dritta fottono pure, ma sfacciatamente, senza la copertura di lacrimosi veli. Non a caso, se ben ricordo, Berlusconi, spregiativamente, fu definito “homo ridens”.

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    06 Luglio 2017 - 00:12

    Sarebbe interessante sapere se anche questa risposta, come tutte le sue, comprese quelle a domande tipo: "che ore sono?" o "com'è il tempo lì da te?" , sia stata data con enfasi teatrante tipo "essere..o non (pausa) essere?..sguardo rivolto al cielo, mano passata tatticamente nella barba-non-barba ecc..

    Report

    Rispondi

  • pia.banchelli

    05 Luglio 2017 - 17:05

    Intellettuale di grosso calibro Saviano? E' la battuta , so bene ironica, del secolo.Pia Banchelli

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi