L'Istat e l'infaticabile Brunetta

Dal rapporto dell'istituto un quadro, a dirla tutta, più desolante di quanto ci sentiamo desolati

L'Istat e l'infaticabile Brunetta

Alla fine, l’Istat parlò. E nessuna sorpresa: i più anziani d’Europa, ascensore sociale fermo, quei pochi ragazzi che si aggirano stanno con mamma fino ai capelli grigi, aumentano i senza reddito da lavoro, saremmo addirittura così sfigati, questo almeno garantisce l’Istat, che da noi sono più vecchi pure gli immigrati. Naturalmente bambini non ne nascono, la gente si cura di meno, spende di meno, studia di meno, tutto di meno. Un quadro, a dirla tutta, più desolante di quanto ci sentiamo desolati. Buon peso, siamo anche i più pigri. La qual cosa, sgradevole che appaia, potrebbe perfino, per paradosso, per qualche verso, e quantunque vago, fornire una consolazione: che volendo potremmo, che se ci alzassimo, vi faremmo vedere noi. Niente da fare, Brunetta è infaticabile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    19 Maggio 2017 - 09:09

    Mi par di capire che anche per lei, caro Andrea, meno male che Brunetta c'è.

    Report

    Rispondi

Servizi