Che bella la violetta, ricorda Andrea Orlando

È un fiore virtuoso, sensibile e pudico, preferito dalle persone semplici e riservate

Che bella la violetta, ricorda Andrea Orlando

Andrea Orlando (Foto LaPresse)

La viola, la violetta. È un fiore bellissimo, molto piccolo, che rinvia alla modestia. Zeus, il padre degli dèi, perdutamente innamorato della timida, dolce e riservata Viola, bellissima ninfa, la trasformò un giorno in una piccola giovenca bianca per proteggerla dall’ira di Giunone, tremendissima e gelosissima moglie. Le lacrime della ninfa vennero allora trasformate da Zeus in violette profumate che solo lei, ormai bianca giovenca, aveva il permesso di mangiare. È perciò il fiore preferito dalle persone semplici e riservate, la viola, di animo delicato e amorevole, sensibile e pudico. È virtuosa, anzi più che virtuosa, che due maroni, d’altronde. Ricorda molto il candidato Orlando.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • pia.banchelli

    01 Marzo 2017 - 10:10

    io direi che ricorda di più la viola del pensiero. Unico. Pia banchelli

    Report

    Rispondi

Servizi