Un altro incandidabile per Di Maio. E per le regole del M5s

David Allegranti

Roma. “I giornali sbagliano ma io non replico perché mi fanno pena”. Patty L’Abbate, candidata del M5s al collegio uninominale del Senato Puglia 4, pochi giorni fa in tv - Faccia a faccia, su Canale 7, del 23 febbraio - negava di essersi mai candidata alle amministrative in precedenza con altre forze politiche.

  

 

   

Il regolamento del M5s lo vieta, come dice l’articolo 2 al comma I: il candidato “non dovrà aver mai partecipato a elezioni di qualsiasi livello, né aver svolto un mandato elettorale o ricoperto ruoli di amministratore e/o componente di giunta o governo, con forze politiche diverse dal MoVimento 5 Stelle a far data dal 4 ottobre 2009”. Eppure L’Abbate, come scritto dal Messaggero martedì 20 febbraio (e come dimostra il manifesto che pubblichiamo qui sotto ndr), nel 2012 si era candidata con Io sud - Pli, partito di Adriana Poli Bortone, a sostegno di Simone Pinto. Un caso insomma molto simile a quello di Leonardo Franci, candidato del M5s a Siena, iscritto alla Lega e già in campo con il centrodestra alle amministrative del 2011. 

 

 

La replica del M5s Con una nota ufficiale il M5s ha spiegato che “la candidatura di Pasqua, detta Patty L'Abbate, candidata al collegio Uninominale Puglia 4 per il Senato, è conforme al regolamento del MoVimento 5 Stelle. La sua precedente candidatura è stata debitamente comunicata al MoVimento e riguarda una lista civica, in particolare la lista Insieme per Castellana, che apparteneva ad una coalizione civica. Infine va precisato che quella lista non era in concorrenza con il MoVimento 5 stelle”. In realtà L'Abbate era candidata con con Io Sud/Partito Liberale Italiano (qui il risultato elettorale sul sito ViviCastellanaGrotte). E comunque, se lei ha già dichiarato tutto al M5s, perché negarlo pubblicamente? 

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.