Servono 88 miliardi per ricostruire l'Iraq

Redazione

This browser does not support the video element.

Roma, (askanews) - Servono oltre 88 miliardi di dollari per la ricostruzione dell'Iraq dopo tre anni di guerra contro il gruppo jihadista dello Stato Islamico. Lo ha dichiarato il ministro per la Pianificazione Salman al Jumaili, aprendo la conferenza di tre giorni a Kuwait-City, davanti a politici, esperti, rappresentanti di ong e del settore privato con l'obiettivo di raccogliere sostegno e risorse dopo la caduta delle roccaforti dell'Isis nel paese. Di questi miliardi, almeno 22 servirebbero per interventi prioritari, il resto nel medio-lungo termine.

 

Lo scorso dicembre è stata dichiarata la sconfitta dello Stato Islamico dopo quasi tre anni di guerra che hanno lasciato il paese con aree completamente distrutte, centinaia di vittime e città rase al suolo. "Abbiamo iniziato dai servizi di base – ha spiegato Mustafa al Hiti, presidente del Fondo per la ricostruzione – acqua, elettricità, scuole, ma siamo a meno dell'1 per cento di quello di cui ci sarebbe bisogno per interventi prioritari. Abbiamo oltre 138mila case danneggiate, di cui più della metà interamente distrutte e oltre 2 milioni e mezzo di sfollati".

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.