Che ne sarà dell'umanità, ora che i nerd fanno sesso coi robot?

Non sanno ancora prepararci il caffè ma gli automi sono già diventati i disruptor delle bambole gonfiabili. E' il capovolgimento delle teorie di Marcuse

Che ne sarà dell'umanità, ora che i nerd fanno sesso coi robot?

Una scena del film "Ex Machina" (2015)

I robot non sono ancora in grado di farci un caffè ma c’è qualcuno che ha iniziato a farci sesso. Più che alla “Dolores” di Westworld somigliano a un manichino di Zara, seppur con zone del corpo che vibrano e si riscaldano per darci l’illusione d’intimità. Sanno riconoscere il nostro volto, rispondere alla nostra voce, imparare ciò che ci piace. La loro autocoscienza è ancora lontana ma già aprono il dibattito pubblico sulle implicazioni morali del possedere qualcosa (o qualcuno?). Oggi sono la disruption delle bambole gonfiabili, ma domani potrebbero mandare in pensione mogli e fidanzate (il mercato è, guarda un po’, prevalentemente maschile). 

 

Ogni pregiudizio sul tipo di cliente è confermato: non è esattamente il maschio alpha a infilarsi un robot nel letto da impostare in modalità frigida o bollente, a seconda dell’umore della serata. Dai servizi realizzati da Times e Guardian sappiamo che gli user e i creatori si somigliano. Sono per lo più nerd, quarantenni vergini, gente che vive con la madre e che costruisce la propria fidanzata nel garage. Spesso i freak sono l’avanguardia, quindi si immagina già come ci comporteremo noi che ancora perdiamo tempo a flirtare, organizzare incontri, uscire a cena. In fondo le applicazioni per incontri sessuali hanno ridotto al minimo la socialità, facciamo un passo in più ed eliminiamola totalmente.

 

Mia moglie? è un bel robot

Fare sesso con le macchine: un sogno antico e un’ossessione molto postmoderna. Viaggio elettrizzante (erotizzante?) tra modelli, invenzioni, richieste, usi e consumi. Come Roxxxy che ha cinque diverse personalità e a seconda del momento, si può scegliere di intrattenersi con ciascuna di loro.

  

È ancora presto. Le bambole in commercio non sanno ancora camminare ma sanno fare l’occhiolino. Non possono portarci una birra ma possono ridere alle nostre battute, se le capiscono. La tecnologia è ancora costosa, ma per fortuna è un campo in cui si può rimanere a letto tutta la giornata e aver successo. Già così questi giocattoli paralitici per adulti costano tra i 5 mila e i 50 mila dollari. Soldi ben spesi se consideriamo che non si lamentano e che sono sempre disponibili. Si contano più forme di capezzoli che tipi di vagine, il che anticipa il tipo di sesso post genitale e inorganico che ci aspetta. Lo usi quando ne hai bisogno e poi lo spegni: una spugnetta e torna come nuovo. Un bordello a Barcellona a marzo offriva le LumiDolls “disinfettate con uno speciale antibatterico prima e dopo l’uso”. Come le attrezzature delle migliori palestre. Erotico. Peccato abbia chiuso nel giro di un mese.

 

Per quanto gli ingegneri si sforzino, i risultati non sembrano poi tanto diversi dal Cicciobello che ci sorprendeva sbrodolando, o da quel cane che vendono gli indiani insieme agli accendini, quello che ti canta “I'm gonna getcha good” di Shania Twain. Tuttavia sappiamo che da qui a quindici anni, o forse meno, potremmo ritrovarci con una copia perfetta di una modella o di una pornostar, tutta silicone e microchip. Quanto tempo passerà prima di poter avere la copia robotica del nostro capo da violentare? Chi può mai opporsi a questa meraviglia. Risposta: psicologi e femministe.

 

I robot non sanno ancora muovere bene la bocca e gli americani già pensano alle discriminazioni sessuali. C’è un report di maggio della Responsabile Robotics che si interroga sull'impatto che avranno i robot sulla nostra vita sessuale, sulla percezione di genere, se ci ritroveremo socialmente isolati, se diminuiranno i crimini sessuali. Kathleen Richardson, ricercatrice in Etica della robotica alla De Montfort University di Leicester, lancia petizioni contro la vendita dei robot a scopo sessuale perché aprono la strada alla schiavitù e allo stupro, rafforzando l’idea di reificazione della donna. Oggi chiederci se il sesso coi robot sia consensuale ci fa ridere quanto chiederci se il nostro rasoio voglia raderci o lo stiamo costringendo a farlo. Un giorno forse avrà diritti anche quello e ci chiederemo se sogna pecore elettriche. Oggi no.

 

Nessuno sembra chiedersi che ne sarà di noi quando i robot, arrivati a un punto tale di sofisticazione, decideranno che saremo obsoleti. Gli hacker russi e cinesi li riprogrammeranno per ucciderci, o peggio, per rompere le balle e lamentarsi di continuo. Dopo il matrimonio in ogni caso non sapremo che farcene, cercheremo nuove relazioni col microonde dotato d'intelligenza artificiale, l’unico che ci capisce. O con la nostra auto, per fuggire al lavoro, lasciando l'androide a casa a tradirci col robot del vicino. L'unico con cui non dover fingere orgasmi e pace dei sensori.

 

Herbert Marcuse immaginava un mondo in cui gli uomini si sarebbero rilassati con un cocktail in riva al mare e dedicati al piacere dei sensi e le macchine avrebbero lavorato per loro. Invece è più verosimile immaginare una profezia inversa: avremo un mondo in cui le macchine scopano al nostro posto mentre noi cerchiamo di lavorare ossessivamente. Probabilmente senza riuscirci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    16 Agosto 2017 - 14:02

    Sono dell'altro secolo. Quanto più il dominio ormai inarrestabile delle femmine occidentali si sta affermando sul maschio fuco e e tanto più il maschio fuco deve pentirsi di non aver dato abbastanza credito al detto cinese: " Quando l'uomo torna a casa la sera deve bastonare la sua donn a, lui non saprà mai perchè,ma lei si ,sempre."

    Report

    Rispondi

  • perturbabile

    15 Agosto 2017 - 12:12

    (Non la chiamerò Kathleen). Mi basterà che non mi faccia soffrire.

    Report

    Rispondi

Servizi