La Var ha già rotto. Aboliamola

Arbitri protagonisti, pause da bocciofila e discussioni uguali a prima. Togliete subito la moviola in campo

La Var ha già rotto. Aboliamola

Foto LaPresse

Londra. Come i bambini davanti all’albero la mattina di Natale, tifosi, giornalisti e passanti si sono eccitati tantissimo per l’introduzione del sistema Var in serie A. E proprio come i bambini non sono in grado di capire subito che il regalo ricevuto è così inutile che non ci giocheranno mai, ma nell’enfasi del momento pensano che sia quello che volevano, leggo commenti entusiastici per l’introduzione di quella che Maurizio Mosca si vergognerebbe di chiamare moviola in campo. E’ tutto un florilegio di “esperimento riuscito” e “buona la prima”, di commentatori soddisfatti, giocatori che non protestano più e pubblico rilassato negli stadi (tranne Sinisa Mihajlovićc, ma non è una sorpresa). E’ andata talmente bene che se fossi in voi la finirei qua.

 

Confesso che ingenuamente avevo pensato che il Var avrebbe tolto il bello dell’incertezza al gioco del calcio, e persino il gusto di litigare durante la settimana per gli episodi dubbi. Niente di più falso: già dopo il primo rigore dato con questo sistema c’erano gli esperti che insinuavano dubbi e davano interpretazioni opposte (per non parlare dei complottisti, i quali sostenevano che il primo episodio sia stato dato contro la Juve ma in una partita che i bianconeri avrebbero comunque vinto, “così adesso nessuno può più dire niente” – amici, in che pub andate? Voglio bere anche io quello che bevete voi).

Il calcio non è il football americano, e anche il sistema più efficace al mondo di moviola porterà inevitabilmente a interpretazioni di parte, che comunque scontenteranno qualcuno e faranno discutere fino alla domenica successiva, con recriminazioni e appelli dei presidenti a trattare meglio le loro società quando si tratta di valutare il replay visto a bordo campo. Non solo, ma il siparietto dell’arbitro che parla al microfono per due minuti con i colleghi che riguardano l’azione, e poi va a rivedersela pure lui sullo schermo generano almeno un paio di conseguenze nefaste: tragiche perdite di tempo, durante le quali la partita assomiglia più a un ritrovo di anziani alla bocciofila che prendono le misure al boccino prima di tirare, bestemmiare, farsi un sorso di grappa e sedersi sulla panchina. Ma la vera tragedia è che il Var non fa altro che ingigantire l’ego già smisurato degli arbitri. Questi inutili figuri che si vestono da fighette per farsi notare, e durante la settimana fanno lavori mediocri, ogni fine settimana cercano di essere al centro dell’attenzione. Con il siparietto del Var lo saranno ancora di più, potendo mettersi pensosi davanti allo schermo, facendo shakespeariane pause di scena mentre uno stadio intero aspetta la loro battuta decisiva. Il tutto continuando a interpretare a piacere loro, fingendo però, con hybris, di dare una certezza definitiva all’unica cosa che rende unico il calcio: la possibilità dell’errore, l’incertezza del momento. Diteci che avete scherzato, e che da domenica prossima si torna a fare come prima. Sareste più credibili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    25 Agosto 2017 - 08:08

    Complimenti, tutto da condividere. Di Var in peggio.

    Report

    Rispondi

  • r.carletti73@gmail.com

    r.carletti73

    22 Agosto 2017 - 21:09

    Non abolite il var serve ai calciatori a fare la bevuta è il riposino di due minuti durante il macht

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    22 Agosto 2017 - 08:08

    Macchè VAR e Var! le radio romane appena cominciato il campionato già sanno come andrà a finire. Di Francesco non capisce nulla di calcio e i leoni di Spalleti trasformati gattini. Per raccontare quanto la tifoseria romana è maligna e perniciosa c'è un divertente episodio .Anni 1980 a Teleroma 56 domenica sera il solito processetto. Sono tra gli altri in lizza l'allenatore della lazio Eugenio Fascetti e quello che sarà uno dei più noti e forbiti telecronisti di calcio Sandro Piccinini.Nella foga del discorso Piccinini dice all'allenatore Fascetti ma lei di calcio non capisce un cazzo. Tutti i giornalisti di politica e di sport hanno un sogno sostituirsi ai politici e agli allenatori e giocatori. Ne sanno sempre una più del diavolo. Per questo adoro il cinismo di Jack.

    Report

    Rispondi

Servizi