Siccità, rimpallo di accuse per un'emergenza idrica che non c'è

Il problema non è l’acqua a Roma, ma al massimo il lago di Bracciano. “Acea deve spiegare”, dice il sindaco di Trevignano

Siccità, rimpallo di accuse per un'emergenza idrica che non c'è

Una turista al lago di Bracciano (foto LaPresse)

Tantissimi incontri, infiniti tentati accordi, un esposto alla Procura di Civitavecchia, una diffida formale alla Regione: il “fronte del lago” le ha provate veramente tutte per ottenere quello che voleva, ovvero lo stop delle captazione d’acqua di Acea Ato 2 dal lago di Bracciano. E alla fine, venerdì scorso con un’ordinanza firmata dal direttore regionale delle risorse idriche Mauro Lasagna sembrava ce l’avesse fatta: Acea dovrà smettere di prelevare l’acqua dal lago, o meglio avrebbe dovuto. Tutto è in discussione,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi