Il bluff di Graviano

Il pentito sapeva di essere intercettato. E ha mandato all’esterno cinquemila pagine di pizzini

Il bluff di Graviano
E’il 2 febbraio 2016. Diciannove giorni dopo che gli investigatori della Dia hanno acceso le microspie nel carcere di Ascoli Piceno. Al minuto 1.50, annotano gli agenti nei brogliacci delle intercettazioni, Giuseppe Graviano se la prende con “scarpa lucida”. E’ il soprannome che i detenuti hanno affibbiato a un agente della polizia penitenziaria con cui non corre buon sangue. Il boss di Brancaccio non è uno che le manda a dire. Con l’agente sono pure arrivati allo scontro verbale. Il...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Giugno 2017 - 13:01

    Dovrebbe essere proibito agli inquirenti di indurre i mafiosi al cazzeggio telefonico per poi poter usare il cazzeggio nei processi .

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    19 Giugno 2017 - 11:11

    Che bello leggere come funzionano gli incontri tra i capi cosca della mafia e i capi cosca dell'antimafia.

    Report

    Rispondi

Servizi