Fine di un moralizzatore

Come Fini, come Di Pietro, come Ingroia. Anche Crocetta, re di Sicilia, è finito nella palude degli scandali

Fine di un moralizzatore

Foto LaPresse

Morale della favola: se fai la morale, rischi di finire moralizzato. E’ successo persino a Rosario Crocetta, il governatore siciliano giunto a Palazzo d’Orleans indossando i pennacchi dell’antimafia militante e seguito da una fanfara della legalità spesso fuori tempo. E’ toccato anche a lui, finito dentro un’inchiesta che ancora promette di riservare sorprese, con una accusa che somiglia ai titoli di coda di un pessimo film: concorso in corruzione. E’ la fine di un moralizzatore.   Perché al di là...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi