Graziani proibito

Il suo borgo gli ha fatto un monumento: il sindaco rischia il carcere per apologia del fascismo. E’ andata meglio con regicidi e terroristi

Graziani proibito

Il generale Rodolfo Graziani nella fotografia di copertina di Life nel giugno 1940

In Italia, legalmente, si può dedicare una via a un terrorista colpevole dell’omicidio di un capo dello stato? Si può, si può. Si può dedicare un monumento a un foreign fighter jihadista che ha guidato in combattimento migliaia di uomini contro soldati italiani? Si può, si può. Si può intitolare una strada a un bandito colpito da 17 mandati di cattura di cui 7 per omicidio? Si può, si può. In Italia, legalmente, si può erigere un sacrario a un...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    09 Gennaio 2017 - 13:01

    Prevedibile iniziativa della sorveglianza sinceramente democratica a parte (e si tengano cari gli amatissimi brigatisti per i loro convegni seguirà buffet), pezzo molto interessante e godibile. Qualità 'il Foglio'.

    Report

    Rispondi

Servizi