“A innamorarsi, sai, ci vuole un attimo”

I ragazzi che salutano la scuola, le bicchierate tra insegnanti e un preside uguale a Giorgio Conte

“A innamorarsi, sai, ci vuole un attimo”

Tutti gli attimi in cui ci s’innamora erano in metropolitana, oggi, stretti tra i pendolari travolti da profumi di fragole e mandorle, da nuvole di ranuncoli e brodo di giuggiole. Nessuno sa più che inventare tanto tutto è così bello. Non c’è da darsi pensiero, c’è solo da lasciarsi andare. I ragazzi salutano la scuola, le insegnanti si concedono alle bicchierate prima delle vacanze e un preside – fiero di baffo e con gli occhiali appannati, uguale a Giorgio Conte – con Giorgio Conte appunto affida la squillante e delicata avvertenza: “A innamorarsi, sai, ci vuole un attimo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi