Leo Longanesi e la Fata delle Ginestre

Si sono incontrati ieri, nel via-vai della folla di Circo Massimo

Leo Longanesi e la Fata delle Ginestre

S’attardavano matite cicciotte in metropolitana, quelle metà rosso e metà blu. Prendevano posto tra i pendolari tutti in anticipo sulle corse – tutti nelle fasce protette – per aggirare lo sciopero di ieri. Nella corsa di ritorno, invece, sedevano i quaderni. E poi anche i taccuini e i fogli sparsi – qualcuno anche sui corrimano – mentre in superficie, i controllori, prendevano nota delle correzioni fatte dalla Fata delle Ginestre in persona. Nel via-vai della folla di Circo Massimo, chiedendo educatamente permesso, è arrivato Leo Longanesi. Si sono guardati con la Fata, lui le ha dato i suoi fogli cartonati, i disegni de “La Sua Signora” e lei – con la matita metà rosso e metà blu – ha scritto: “I difetti degli altri assomigliano troppo ai nostri”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • efis.loi

    09 Marzo 2017 - 20:08

    Di Longanesi un poco sappiamo. Conosciamo meglio la Fata delle Ginestre. Anche dei taccuini e dei fogli sparsi abbiamo contezza. E' la matita rossoblù che ci inquieta.

    Report

    Rispondi

Servizi