Cosa sarebbe successo se Carrai fosse stato capo della cyber sicurezza

Tutto questo manicomio dei fratelli Occhionero, Giulio e Francesca, non sarebbe successo

Cosa sarebbe successo se Carrai fosse stato capo della cyber sicurezza

Marco Carrai (foto LaPresse)

Ci fosse stato Marco Carrai, l’amico del muretto di Matteo Renzi – ci fosse stato lui, adesso, a capo della cyber sicurezza – tutto questo manicomio dei fratelli Occhionero, Giulio e Francesca, non sarebbe successo. Anzi, le mail non sarebbero violate, tanto meno i telefonini e solo un occhio, un solo orecchio, una sola mente – oggi – vigilerebbe su tutti noi: Maria Elena Boschi. Vigilando, va da sé, in particolare su Renzi. Non poco scavezzacollo. E allora sì che ci sarebbe un occhio nero da raccontare ogni giorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    12 Gennaio 2017 - 09:09

    Maria Elena Boschi, una ministra di Stato che ci ha regalato un selfie con la ".rivale di Monica Lewisnky" e poi pubbliche lacrime per la sconfitta della medesima. Una ministra di Stato che ci ha regalato altre pubbliche copiose lacrime per la sua sconfitta al referendum. Pare questa la minestra servita alla mensa del nostro buon convento. Sia resa gratitudine all'arguzia di Buttafuoco che ci aiuta ad ingurgitarla.

    Report

    Rispondi

Servizi