Assolto (di nuovo) Mario Mori

C’è un “filo rosso” che attraversa i processi all’ex generale: le assoluzioni

Assolto (di nuovo) Mario Mori

Mario Mori (foto LaPresse)

Dopo tanti anni di processi, l’assoluzione di Mario Mori, accusato di aver favorito la latitanza di Bernardo Provenzano, è definitiva. La Cassazione, come avevano già stabilito le sentenze di assoluzione in primo grado e in appello, conferma che non c’è stata una “mancata cattura” del capo dei capi. Non c’è stato quindi secondo i giudici alcun favoreggiamento o complicità dell’ex generale dei carabinieri e dal colonnello Mario Obinu con il capo di Cosa nostra.

 

L’ipotesi dei pm della procura di Palermo in primo grado, Antonio Ingroia e Antonino Di Matteo, era che i due ufficiali dei carabinieri avessero lasciato libero il boss in base agli accordi stretti nell’ambito della cosiddetta “trattativa” tra uomini dello stato e della mafia. Era la ricompensa prevista dal “patto scellerato” nei confronti del boss che avrebbe favorito la cattura di Totò Riina per prendere il controllo di Cosa nostra e mettere fine alla stagione stragista culminata con gli attentati di Capaci e via D’Amelio. Dopo l’assoluzione in primo grado, per portare a casa una condanna il procuratore Roberto Scarpinato aveva chiesto una condanna più lieve, senza l’aggravante mafiosa, ma trasformando il processo su un fatto preciso – anche grazie alla testimonianza di Massimo Ciancimino e alle fiction giornalistico-televisive – in un processo alla carriera di Mori: servizi deviati, trame nere, P2, ufficiali golpisti, mafia. Sempre unendo i puntini e seguendo il “filo rosso”, come fa Scarpinato. Il castello accusatorio è crollato anche in appello.

 

L’assoluzione definitiva, la seconda dopo quella nel processo sul covo di Riina, avrà però un effetto a cascata sul processo dei processi, quello sulla Trattativa, in cui gli imputati, tra cui lo stesso Mori, sono accusati di concorso esterno in associazione mafiosa e violenza o minaccia a corpo politico dello Stato. Ma anche in questo processo Calogero Mannino, l’unico tra gli imputati che aveva scelto il rito abbreviato, è stato già assolto. Se come dice Scarpinato “c’è un filo rosso che attraversa tutte le vicende di cui il generale Mori si è reso protagonista”, questo filo è quello delle assoluzioni. E forse sarà per questo che a Palermo c’è chi, seguendo l’esempio di Ingroia, guarda più alla politica che a un processo che prosegue stanco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    08 Giugno 2017 - 21:09

    E' già pronta una nuova incriminazione....

    Report

    Rispondi

    • guido.valota

      08 Giugno 2017 - 21:09

      Poco ma sicuro, come è sicuro che non sarà l'unica incriminazione plausibile: truffa continuata e aggravata ai danni dello Stato, a carico dei pm 'antimafia'.

      Report

      Rispondi

Servizi