Sabrata, un anno dopo

Notizie sospette dalla città libica dove furono rapiti quattro tecnici italiani

Sabrata, un anno dopo

Un convoglio dello Stato islamico in Libia

Ricordate la vicenda dei quattro tecnici italiani rapiti sulla costa della Libia nell’estate 2015? Si concluse nel marzo dell’anno scorso con la morte di due, Salvatore Failla e Fausto Piano, e la liberazione di altri due nella placida cittadina di Sabrata (centomila abitanti) – che non è mai stata coinvolta nei combattimenti furiosi che invece hanno insanguinato altre zone del paese africano. Due settimane prima di quell’epilogo amaro, un bombardamento americano a sorpresa contro una villetta aveva fatto saltare il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi