È morto Rosario Villari, storico del Mezzogiorno

Aveva 92 anni. Deputato nella VII Legislatura (1976 - 1979) nelle fila del partito comunista, lo studioso calabrese era membro dell'Accademia nazionale dei Lincei e presidente della giunta centrale per gli Studi Storici

È morto Rosario Villari, storico del Mezzogiorno

Rosario Villari (foto via YouTube)

È morto oggi a 92 anni lo storico Rosario Villari, a causa delle complicazioni di una polmonite nella sua casa di Cetona, in
Toscana, dove domani si terrà una cerimonia organizzata dal Comune.

 
Nato a Bagnara Calabra il 12 luglio del 1925, Villari ha iniziato gli studi universitari a Firenze e li ha conclusi a Messina, dove è stato allievo di Galvano Della Volpe. Storico del Mezzogiorno, ha svolto la sua attività di ricerca e studio in particolare rilanciando i temi meridionalistici a partire dalla sua prima attività pubblicistica.

 
Come redattore, dal 1956 al 1960, di "Cronache meridionali" ha infatti pubblicato testi di meridionalisti "ante litteram": dall'abate Galiani (secolo XVIII) ai liberali napoletani del 1848. Temi ed argomenti che tratta anche nei suoi saggi: nel 1961 cura un'antologia della questione meridionale, "Il Sud nella storia d'Italia". Un lavoro al quale segue "La rivolta antispagnola a Napoli. Le origini (1585-1647)", pubblicato da Laterza nel 1967. Al 1979 risale "Mezzogiorno e democrazia", volume pubblicato sempre dall'editore barese. Il lavoro di ricerca di Villari è continuato anche negli ultimi anni: nel 2012, con Mondadori, dà alle stampe "Un sogno di libertà. Napoli nel declino di un impero (1585-1648)". Tra gli altri titoli, da segnalare anche "Storia dell'Europa contemporanea".

   

Docente di storia moderna a Roma, Messina e Firenze, Villari ha condotto un'intensa attività politica il cui inizio è segnato dalla militanza antifascista e dalla partecipazione all''organizzazione dei movimenti contadini per la riforma agraria in Calabria. Villari è stato poi membro del comitato centrale del partito Comunista. La sua linea è stata quella democratica e riformista sostenendo le ragioni di una maggiore autonomia dall'egemonia sovietica. Proprio nelle fila del partito comunista è stato eletto deputato nella VII Legislatura (1976 - 1979). Lo storico calabrese nel 1990 è stato eletto membro dell'Accademia nazionale dei Lincei. Dal 1990 al 1995 è stato presidente della giuria del premio letterario Viareggio. Nel 1996 è stato nominato presidente della giunta centrale per gli Studi Storici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    19 Ottobre 2017 - 10:10

    Io ho studiato storia e come me, varie generazioni di studenti, sul manuale di Armando Saitta. Vedo che alla scomparsa di Rosario Villari è stata data tanta rilevanza, cosa che non succede per tutti gli storici. L'impegno a sinistra in quest' Italia fa sempre notizia e tanti elogi. Il mondo politico e quello dell'informazione dovrebbe essere meno settario, cosa purtroppo che non avviene e si potrebbero fare tanti esempi: l'ultimo per la scomparsa di un grande giornalista, Franco Cangini. In ogni caso onore a Rosario Villari, tra l'altro di origini meridionale come me, per avere messo il evidenza tanti aspetti della storia del Mezzogiorno.

    Report

    Rispondi

  • guido_tamburini@fastwebnet.it

    guido_tamburini

    18 Ottobre 2017 - 19:07

    Il comunismo è morto, ma ci sono tanti comunisti vivi. Oggi il GR 3 delle 13,45 ha dedicato alla notizia della morte di Villari l'apertura e sicuramente più di un minuto di agiografia

    Report

    Rispondi

  • gianni.rapetti

    18 Ottobre 2017 - 17:05

    Il Villari nelle scuole superiori ovvero come occupare i gangli nelle teste di generazioni di alunni.

    Report

    Rispondi

  • Caterina

    Caterina

    18 Ottobre 2017 - 16:04

    Scopro ora che l’autore del libro di storia delle mie Superiori era membro del CCC e deputato del PCI. Erano gli anni 70. No comment.

    Report

    Rispondi

Servizi