cerca

Può esistere un'alleanza Pd-M5s? Tutte le tracce dell'avvicinamento tra Democratici e grillini

Salvini attacca gli alleati di governo: “Inizio a notare troppi accoppiamenti, troppa sintonia”. I Dem negano: “Un’intesa con i 5 Stelle? Sono diventati di destra, non esiste”. Ma i segnali d'intesa non mancano

14 Maggio 2019 alle 20:55

Può esistere un'alleanza Pd-M5s? Tutte le tracce dell'avvicinamento tra Democratici e grillini

Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Forse sono solo schermaglie elettorali. Da un lato il M5s che non perde occasione per denunciare la deriva verso destra della Lega (che secondo il Cise starebbe allontanando gli elettori e spiegherebbe la perdita di consensi registrata nell'ultimo periodo). Dall'altro il Carroccio che, al contrario, prova a denunciare lo spostamento verso il Pd del M5s. Cosa che non farà di certo piacere agli elettori grillini visto che gran parte del successo del Movimento è legato all'essersi proposto come alternativa ai Democratici.

 

Fatto sta che oggi Matteo Salvini ha affondato il colpo: “Inizio a notare troppi accoppiamenti fra Pd e 5 Stelle, troppa sintonia. No alla flat tax, no ad Autonomia, no al nuovo decreto sicurezza. E magari riapriamo i porti. Mi spieghi qualcuno se vuole andare d'accordo con il Pd o con gli italiani e la Lega rispettando il patto”. Poco dopo anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, ospite di Porta a Porta, rilancia: “In Parlamento ci sarebbero i numeri, per una alleanza di governo tra M5s e Pd, sia alla Camera sia al Senato. Leggo sui giornali di avvicinamenti”. Ed evoca addirittura l'ipotesi di un voto anticipato: “Sono quattro mesi di campagna elettorale, lo stato di litigiosità è evidente a tutti. Se prosegue dopo il 26 maggio è insostenibile. Sono convinto che dopo ci sarà un altro indirizzo per la convivenza e un altro metodo di lavoro”.

  

Nel frattempo, mentre Luigi Di Maio ammette di non “capire più Salvini” e chiede “un vertice di governo”, il Pd respinge ipotesi di possibili e imminenti nozze. “Un’alleanza con i 5 Stelle? Ma i 5 Stelle sono diventati un partito di destra, in tutto e per tutto uguale alla Lega – sottolinea il vicesegretario del Pd, Paola De Micheli –. Ed è per questo che non esiste possibilità alcuna di un’alleanza tra noi e M5s”. 

  

Sarà, ma come abbiamo scritto in queste settimane sul Foglio, i segnali di avvicinamento tra Democratici e grillini non mancano. Dal programma per le Europee al “soccorso” sullo sblocca-cantieri, passando per l’improvvisa convergenza sui temi dell’antifascismo. Chissà se dopo le elezioni il corteggiamento porterà a un rapporto organico di governo. 

  

Per approfondire leggi anche:

Pd e M5s, programmi gemelli

Zingaretti dà un tocco grillino alle proposte del suo partito per le europee. Opa o convergenza? Analisi

 

Le affinità parlamentari tra M5s e Pd

Rai, autonomia, sblocca cantieri: tutte le volte che in Aula e in commissione i due partiti complottano contro la Lega

 

Il contratto di opposizione tra Pd e M5s

La grancassa del grillismo democratico sta trasformando l’antisalvinismo in una evoluzione dell’antifascismo, per preparare il terreno a un’alternativa che oggi non c’è ma domani chissà. Opportunismi, progetti e antifa da commedia. Indagine sul contratto del futuro

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fiorevalter

    14 Maggio 2019 - 21:09

    sono sempre stato contro l'alleanza tra PD e 5S per ragioni più che ovvie, ma in un quadro sostanzialmente tripolare che si fa?

    Report

    Rispondi

Servizi