cerca

Come occupano bene il potere questi mostri

Ricordate vecchi i ladri di democrazia, l’editto bulgaro, la video-tirannia di Renzi? Ora si sono presi tutto quel che è pubblico e sorvegliano le coscienze con la tivù russo-gialloverde e le sue leccate. Rivoglio quelli di prima e Veronesi capo della Rai

18 Gennaio 2019 alle 06:05

Come occupano bene il potere questi mostri

Foto LaPresse

Se Sandro Veronesi è disposto a firmare con il suo prezioso sangue per il ritorno al potere di Berlusconi, tra le altre, una ragione fondante ci deve essere, e riguarda, se ci sia, economia e informazione. Questi che non hanno conflitti di interessi, questi che in teoria non hanno una lira bucata, questi del popolo issati al potere, due minoranze faziose, dalla torma urlante dei media e dalla caduta delle élite, che si stanno rimettendo in gioco poco poco, questi si sono presi tutto quel che è pubblico, e sorvegliano la coscienza nazionale come il settore privato dall’alto di una formidabile occupazione degli spazi di potere, altro che spoils system. Cercando nel frattempo di danneggiare e chiudere le voci pallide di una possibile alternativa.

 

E’ un vantaggio su Trump, che nei media non ha toccato palla, se ne è rimasto con la sua Fox e Rupert Murdoch, non poco è vero ma scontati e da lungo tempo incardinati nel sistema di pensiero della destra populista americana, per il resto tuìt a iosa e controlli severi e botte da orbi all’impostore. Ma vi ricordate quando il Cav. si provò, in due o tre occasioni, a far trasmettere un video autoprodotto da Arcore? Un diluvio di proteste, e talk shit e inchieste e grida sulla morte della democrazia e della libertà di stampa. L’editto di Sofia fece impressione, ma qualcuno si ricorda, Giuliano Ferrara a parte, un servo del potere che difendesse de core il superpopulista straricco inquisito, pedinato, intercettato e messo alla berlina su ogni tribuna pubblica e privata? Ora è un’orgia di video autoprodotti, in divisa, in automobile, dal solo Truce multitravestito, o dai due Gianni e Pinotto che danno di marchetta al palazzo del Parlamento europeo, o dalla piccina che amministra la giustizia bona fide e si mette anche lei in divisa da secondino. E a resistere, a parte Fazio semibollito e funambolo, che tra un po’ lo cacciano e lo fanno povero, ci sarebbero Bianca Berlinguer in gialloverde, e Gennaro Sangiuliano tiggidue in russo stretto, Marcello Foa in kirghiso kagebista, e il figlio nello staff trucibaldo, e il tiggiuno contiano amebico e molto autorevole-lobbistico. Vi ricordate quando la Rai ruffiana lodava la tenuta in loden, anziché in divisa, e le vacanze di Monti in Engadina? Certe leccate non si scordano mai, ma era un loden, via, niente di così trasgressivo. E vi ricordate uno della famosa èra Renzi, giusto quel delicato Semprini, che faceva tv in inglese, è durato un mese, a parte lui tutti anchor e martiri dell’informazione libera che schieravano i mezzi pesanti contro questa orrenda sinistra di tinte liberali e riformiste e Jobs Act. E quando il solito ruffiano della solita Rai fece vedere le immagini grottesche di Renzi adulato in coro dai bambini, una tantum della leccata, apriti cielo.

  

Bisogna dire che tanta disinvoltura è perfino piacevole. Ti espelle d’un tratto dal panorama anche solo come spettatore, impedisce accostamenti sghembi, militarizza gli spazi nei quali uno normale vorrebbe non essere compreso. E aspetto Maria Giovanna, ex fogliante e come me ex comunista ed ex craxiana ed ex neocon, ma molto molto ex, che mi spieghi lo scontro di civiltà all’ora di cena. Sono pronto. Vorrà dire che diventerò multiculti, laico stretto, abortista, e mi batterò con il mio sangue perché Sandro Veronesi venga fatto al più presto direttore generale della Rai. Delenda Rai!

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luciano.pellegrini59

    18 Gennaio 2019 - 20:08

    Caro il mio stimato fondatore, il tutto condito con il canone in bolletta. Così, tanto per non farsi neanche mancare in questo strano paese il gusto del SERVIZIO PUBBLICO (in maiuscolo come da precetto dei centro-sinistrati difensori di tutte le cause perse) che paga la trasmissione in prima searata delle fiction della ditta truce-gianni-pinotto-buenafide

    Report

    Rispondi

  • mariusna48

    18 Gennaio 2019 - 18:06

    Caro Giuliano, guarda che tra i tuoi lettori ci sono pure i 70enni come me che di storie sulla popria pelle ne hanno vissute, parlo di storie del nostro paese e della nostra politica. Possiamo senz'altro dire che costoro sono dei "dilettanti allo sbaraglio", degli improvvisati e improvvidi politicanti a cui è capitata una grande disgrazia: guidare un Paese come l'Italia e non è una piccola sciagura. Ma non dimentichiamo il passato prossimo e remoto! Il quale ci dice che di storiacce di corruzioni e ruberie ne sono stati pieni quasi tutti i partiti ma non solo di oggi ma addirittura di decenni e decenni fa: dalle ruberie di Teardo nel Psi savonese degli anni '70 che mandò su tutte le furie Pertini, alle disinvolte giravolte di quel gran rottamatore di Renzi di ieri l'altro che ha finito per rottamare pure l'ultimo briciolo di speranze di un popolo di sinistra e massacrando (ancora una volta) lo stato sociale in nome di una Europa a cui addossano tutte le colpe nascondendo le loro.

    Report

    Rispondi

    • stearm

      18 Gennaio 2019 - 20:08

      Mi scusi, ma e' legittimo avere opinioni diverse in democrazia su cose gia' accadute. Renzi per me ha governato bene, non mi interessa giudicarlo sulla base delle vecchie ideologie.

      Report

      Rispondi

  • Giovanni Attinà

    18 Gennaio 2019 - 18:06

    IL problema è uno solo: nel mondo dell'informazione manca quasi del tutto la polemica, salvo qualche rara eccezione, tipo le prese di posizione di Giuliano Ferrara. Da qui il silenzio sulle cronache dei telegiornali apologetici per il governo gialloverde.

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    18 Gennaio 2019 - 17:05

    "Apprezzo lo stile del presidente Conte" ha detto Angela Merkel a Mattarella (ho in cuffia radio 24, l'occhio sinistro alla borsa e il destro su questo articolo). Emerito sarà pure un mostro ma...un mostro che piace (Angela avrà pensato "che romanticone questo italico, sarebbe bello andare in poltrona con lui" altro che i galli).

    Report

    Rispondi

    • miozzif

      18 Gennaio 2019 - 21:09

      Oh Signore, i sovranisti che pendono dalle labbra della cancelliera di Germania, ne studiano il labiale, interpretano le frasi d'occasione e che, incredibile, si mettono nei panni cafoncelli del presidente fantoccio pregustando non so che sulla poltrona con Angela.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi