cerca

Mattarella dà l'incarico a Conte: “Sarò l'avvocato difensore degli italiani”

Il premier accetta con riserva e nei prossimi giorni scioglierà la riserva presentando la lista dei ministri: “Confermerò la collocazione europea ed internazionale dell'Italia”

23 Maggio 2018 alle 20:37

Mattarella dà l'incarico a Conte: “Sarà l'avvocato difensore degli italiani”

Quasi due ore di faccia a faccia con i social network che, nel frattempo, ironizzavano su nuovi titoli da poter inserire nel curriculum vitae (dal “perfezionamento in diritto parlamentare” al più diretto “sono stato presidente della Repubblica”). Alla fine, nonostante il curriculum “abbellito” il professor Giuseppe Conte ha ricevuto dal presidente della Repubblica l'incarico per formare il nuovo governo. E come vuole la prassi istituzionale lo ha accettato “con riserva”.

 

 

Conte è arrivato al Quirinale intorno alle 17.30, in taxi. Poco dopo le 19 il segretario generale della presidenza della Repubblica, Ugo Zampetti, ha letto le poche righe che un po' tutti stavano aspettando: “Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto nel pomeriggio al Palazzo del Quirinale il professor Giuseppe Conte, al quale ha conferito l'incarico di formare il governo. Il professor Conte si è riservato di accettare”. Intorno alle 19.19, un po' spaesato, Conte si è presentato davanti ai giornalisti per leggere la sua dichiarazione.

 

Parole misurate, evidentemente limate e concordate con il Quirinale, con due obiettivi chiari: garantire la propria autonomia di presidente del Consiglio, rassicurare quanti temono che il suo principale obiettivo sia quello di portare l'Italia fuori dall'Ue. Conte ha spiegato che scioglierà la riserva nei prossimi giorni presentando la lista dei ministri  e ha ribadito che il suo sarà il “governo del cambiamento”. 

 

“Se riuscirò a portare a compimento l'incarico - ha sottolineato -, esporrò alle Camere un programma basato sulle intese intercorse tra le forze politiche di maggioranza”. Insomma, la base sarà il “contratto di governo” tra Lega e M5s “a cui anche io ho dato il mio contributo” e che “rappresenta in pieno le aspettative di cambiamento dei cittadini italiani”. “Lo porrò a fondamento dell'azione di governo - ha assicurato -, nel pieno rispetto delle prerogative che la Costituzione attribuisce al presidente del Consiglio e nel rispetto delle altre previsioni e regole costituzionali”.

 

Quindi ha invitato il suo messaggio a Bruxelles: “Con il presidente della Repubblica abbiamo parlato della fase impegnativa e delicata che stiamo vivendo e delle sfide che ci attendono e di cui sono consapevole, così come sono consapevole della necessità di confermare la collocazione europea ed internazionale dell'Italia”.

 

Poi lo slogan che, probabilmente, lo segnerà da qui in avanti: “Sono professore e avvocato, nel corso della mia vita ho perorato le cause di tante persone, mi accingo ora a difendere gli interessi di tutti gli italiani, in tutte le sedi, europee e internazionali dialogando con le istituzioni europee e con i rappresentanti degli altri Paesi.Mi propongo di essere l'avvocato difensore del popolo italiano”. Dal premier operaio al premier avvocato. La Tetra Repubblica può cominciare.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    24 Maggio 2018 - 09:09

    Il Quirinale ha preso atto del contratto stipulato da Di Maio e Salvini in sede privata, si presume con la benedizione della Casaleggio & C. e dell’allegato con il nome del capo del governo da incaricare per mera e formale incombenza costituzionale. il Presidente del consiglio quel contratto lo presenterà al Parlamento per un’altra presa d’atto sempre per mera e formale incombenza costituzionale, in quanto già approvato dal popolo del web e dei gazebo. Il rispetto delle istituzioni e’ comunque esplicitato è assicurato dal recarsi nelle sedi che le rappresentano in taxi, autobus, motorino o bicicletta, con adeguata copertura televisiva affinché il popolo sovrano prenda visione di cosa si intende per governo del cambiamento. Oddio, le trattative per la stesura del contratto si sono svolte a porte chiuse e senza la diretta Tv richiesta e promessa fino a ieri sulle piazze. Ma pare che il popolo sovrano abbia capito che non si può avere tutto dalla vita e si sia accontentato.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    23 Maggio 2018 - 23:11

    Prima del fatidico 18 aprile, risoltosi provvidenzialmente al meglio, in tutte le chiese ci si faceva concludere la Messa col canto "Pietà Signor, del nostro Patrio suolo…" Domani 24 maggio è giorno dedicato a Maria Ausiliatrice. Anche Lei, con la Sua casetta a Loreto, è nostra concittadina italiana, proprietaria e contribuente. PreghiamoLa ...di curare i Suoi interessi! E con l'occasione un po' anche i nostri. Preghiamo preghiamo preghiamo.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    23 Maggio 2018 - 22:10

    Non so perchè, anzi lo so, ho goduto leggendo la precisazione 'in taxi'. Comunque sempre meglio un difensore che un inquisitore.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    23 Maggio 2018 - 20:08

    Così disse, il nocciolo politico del suo messaggio, il premier incaricato: “Sarò l’avvocato difensore del popolo italiano.” Beh, se questa fosse la sua vera “mission”, dovrebbe per prima cosa difenderlo dal progetto politico di Democrazia diretta della Casaleggio&Co. Arrivare in taxi a Montecitorio, provenienza Quirinale, è la prima mossa, come Fico in autobus, imposta dallo staff dei rapporti pubblici della Casaleggio&Co, Stride assai il comportamento dell’avvocato che inizia a difendere il suo assistito prendendolo per il culo. Glisson?

    Report

    Rispondi

Servizi