La svolta di Franceschini agita il Pd: “Non possiamo far nascere un governo Lega-M5s"

David Allegranti

Roma. È in corso l’assemblea dei parlamentari del Pd, dove si discute della linea da prendere in vista del secondo turno di consultazioni giovedì al Quirinale. Pochi minuti fa ha preso la parola Dario Franceschini, capo dell’ala dialogante del Pd, disponibile a rinunciare alla strategia aventiniana lanciata da Matteo Renzi. “Non possiamo augurarci che facciano un governo Salvini-Di Maio. Dobbiamo evitare la nascita di quel governo, anche se ci conviene”, ha detto l’ex ministro dei Beni culturali. Parole che riaprono lo scontro tra chi vuole e chiede il dialogo con il M5s e chi invece insiste sulla necessità di rimanere all'opposizione. 

 

Non a caso, dopo poche ore, al fianco di Franceschini si schiera Andrea Orlando: “La votazione della direzione va messa in discussione. Era documento ambiguo. Ha ragione Franceschini sul giudizio sul M5s”.

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.