cerca

La colla che tiene unita l’Europa

Il trattato franco-tedesco, Aquisgrana e la convergenza senza troppi egoismi

10 Gennaio 2019 alle 06:00

La colla che tiene unita l’Europa

Il presidente francese Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel a un consiglio europeo (Foto LaPresse)

I valori, i simboli, le immagini sono importanti, ci restano negli occhi e nelle orecchie al di là del brusio nazionalista permanente, Merkel e Macron lo hanno capito da un po’, pur nelle nebbie dei loro acciacchi politici. Francia e Germania non sono mai state del tutto allineate sulla riforma dell’Europa e anzi ci sono stati, dietro ai sorrisi apparenti, parecchi dissapori, ma questa non è la stagione dei pignoli e degli schizzinosi, il campo di battaglia è ben definito, e ci sono soltanto due parti possibili in cui stare: nazionalisti di qui, europeisti di là. Il presidente francese e la cancelliera tedesca, che compaiono ormai in tutti gli articoli del mondo come la coppia degli indeboliti, lui per i gilet lei per la successione, hanno deciso di mettere da parte le divergenze e di stringersi più forte che si riesce: le immagini delle celebrazioni a Parigi della fine della Prima guerra mondiale sono potenti e credibili, parlano di un’alleanza valoriale che sa, nel momento di difficoltà, guardare oltre i propri egoismi.

 

Così, per rilanciare ancora questo cuore europeista mezzo infartato, Merkel e Macron firmeranno il 22 gennaio un nuovo trattato franco-tedesco ad Aquisgrana, che è un altro simbolo potente della storia europea, della sua luce, del suo buio, della sua abilità nel crollare e nella sua tenacia nel riemergere. Con questo trattato Francia e Germania vogliono “andare avanti”, “rafforzare i propri legami”, stabilire una “convergenza sociale ed economica” per il “benessere” dei cittadini e per costruire “un’Europa forte, sovrana e democratica”. La nuova collaborazione sarà sancita da una specie di assemblea parlamentare franco-tedesca, che lavorerà insieme alle riforme europee. Altri buoni e inutili propositi, si dirà, ma questa volontà, con i suoi simboli e i suoi valori e le sue immagini, è la colla che tiene insieme l’Europa, la usava anche l’Italia una volta prima di decidere di voler staccare ogni cosa.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi