“Morte all'America”, nel Parlamento di Teheran si brucia la bandiera degli Stati Uniti

Giulio Meotti

This browser does not support the video element.

E' da quarant'anni, da quel 1979 in cui l'ayatollah Khomeini fece la sua rivoluzione islamica, che le autorità iraniane cantano “morte all'America” e bruciano le bandiere a stelle e strisce, le calpestano, le dileggiano, le ingiuriano. Stamani, al Parlamento di Teheran, alcuni deputati iraniani hanno bruciato la bandiera americana fra gli applausi e gli slogan contro “i sionisti”. E' quarant'anni che quel regime teocratico si fonda sulla guerra - ideologica, politica e morale - al “grande e piccolo Satana”, Stati Uniti e Israele. In queste ore, dopo l'uscita di Donald Trump dal deal atomico con Teheran, sul Golan e il nord d'Israele sembra avvicinarsi anche la guerra militare. Sarà una guerra diretta fra gli ayatollah e Israele o una per procura tramite Hezbollah? Intanto Israele apre i rifugi antimissile.

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.