cerca

L’Istat e i sommersi che Di Maio non vede

Nulla per i giovani e per la stabilizzazione, poco per le politiche attive

2 Ottobre 2018 alle 06:00

L’Istat e i sommersi che Di Maio non vede

Foto Pixabay

Rallegrarsi è doveroso: l’Istat certifica il più alto tasso di occupazione (59 per cento) mai raggiunto in Italia. E però anche preoccuparsi, si deve, ad analizzare i dati con più attenzione. Soprattutto per tre motivi. Il primo è la condizione dei giovani: la fascia degli under 25 è l’unica in cui, tra luglio e agosto 2018, si registri un aumento (due decimali) del tasso di disoccupazione (31 per cento), e un contestuale calo dell’occupazione. C’è poi un’esplosione dei contratti a...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    02 Ottobre 2018 - 12:12

    Per la verità nel DEF sono stati annunciati incentivi per chi assume a tempo indeterminato, per cui calma e gesso.

    Report

    Rispondi

Servizi