cerca

Quel grido a Milano: “Ebrei tremate”

A Piazza Cavour risuona lo slogan del terrore islamista: “Khaybar, ebrei, l’armata di Maometto ritornerà”. E’ il motto dei jihadisti e dei missili di Hezbollah che ricorda la strage e la schiavitù degli ebrei. Spunti per Minniti

29 Dicembre 2017 alle 06:00

Quel grido a Milano: “Ebrei tremate”

LaPresse/Matteo Corner

Roma. Malmö nelle scorse settimane è finita sui giornali di tutto il mondo per gli slogan antisemiti scanditi nelle piazze della terza città svedese durante le proteste per il riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele da parte degli Stati Uniti. Il New York Times gli ha dedicato un editoriale a firma di Paulina Neuding, direttrice del magazine svedese Kvartal, in cui racconta la “verità sull’antisemitismo svedese”.

   

Poi è stata la volta di Berlino, dove sotto la Porta di Brandeburgo i manifestanti hanno usato lo stesso slogan di Malmö. Anche il Financial Times è andato a occuparsene con una lunga inchiesta, raccontando il timore tedesco di questa rinascita dell’antisemitismo nel paese che ha orchestrato la Shoah. Ma nei giorni scorsi anche a Milano si sono sentiti gli stessi slogan nelle due manifestazioni organizzate contro il riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele.

  

Siamo oltre la ragazza che portava il cartello “i nazisti sono ancora in giro e ora si fanno chiamare sionisti”, oltre agli inni alla “vittoria dell’Intifada”, oltre agli striscioni contro il sionismo, oltre ai canti “un sasso qua un sasso là un sasso per la libertà”, a sostegno della violenza palestinese. Quasi ovunque le stesse scene: Milano, Roma, Torino, Napoli, Firenze. “Il potere politico nasce dalla canna del fucile” recitava uno striscione a Roma. A Napoli si reclamava il “diritto alla resistenza palestinese”. A Milano c’erano imam in testa alla manifestazione organizzata dall’Associazione palestinesi in Italia, con tanti cittadini non soltanto musulmani che marciavano dietro. Alla manifestazione del 16 dicembre a Milano c’era anche l’imam di Firenze e presidente dell’Ucoii, Izzeddin Elzir.

  

Ma è alla manifestazione-presidio di Piazza Cavour, il 9 dicembre scorso, che è risuonato lo stesso terribile slogan antisemita di Malmö: “Khaybar, khaybar ya yahud, jaish Muhammad saya’ud”. La traduzione è questa: “Khaybar, Khaybar, o ebrei, l’armata di Maometto ritornerà”. Un coro fragoroso ripetuto otto volte dai manifestanti a Piazza Cavour (il video è online sul sito del Foglio). E a chiudere il takbir, il grido di battaglia islamista: “Allah Akbar! Allah Akbar!”.

  

   

Khaybar è il nome dell’oasi dell’Hegiaz abitata da ebrei che Maometto conquistò nel 628. Il luogo ha assunto un significato leggendario e mitico nella prospettiva islamista di una sottomissione finale e violenta degli ebrei. Maometto, a capo di un esercito di milleseicento uomini, scandendo la parola d’ordine “Fino alla vittoria! Uccidi! Uccidi! Uccidi!”, aggredì gli ebrei insediati nell’oasi di Khaybar, a nord di Medina, completando l’opera di “pulizia etnica” degli ebrei.

   

Il motto usato da Hamas e Iran

A questo proposito Robert S. Wistrich, il massimo studioso di antisemitismo al mondo, ha scritto nel suo capolavoro “A lethal obsession”: “Ci sono video di Hamas in cui ‘martiri’ contemporanei proclamano che la ‘chiamata del jihad, la chiamata di Allah Akbar, il tempo di Khaybar è giunto!’. Le canzoni evocano entusiasticamente il massacro degli ebrei (‘i figli di Khaibar’) come una specie di atto sacrificale. Le ‘guerre ebraiche’ del Profeta a Medina e Khaibar sono assunte come una conclusione esemplare dell’espulsione e dello sterminio delle tribù ebraiche nell’Arabia del VII secolo”. La battaglia portò̀ all’uccisione di numerosi ebrei mentre le loro donne e i loro figli furono portati via come schiavi. Khaybar è uno dei primi atti di pulizia etnica che si ricordi nella storia.

   

La battaglia di Khaybar contro gli ebrei viene evocata anche nei canti di vittoria alle manifestazioni di Hezbollah: “Khaybar, Khaybar, ebrei, l’esercito di Maometto tornerà”, e “Khaybar 1” è il nome di uno dei razzi di Hezbollah lanciati su Israele. Esiste una serie tv in Siria contro gli ebrei intitolata “Khaybar”. Un religioso salafita egiziano, Hazem Shuman, in tv ha detto che “gli ebrei di Khaybar del VII secolo sono la replica dello stato di Israele”. Migliaia di salafiti tunisini hanno scandito lo slogan “Khaybar” sventolando la bandiera nera del Califfato. Imam di Gaza hanno brandito un coltello in moschea e invitato i fedeli a seguire “l’esempio di Khaybar”, quando Maometto partecipò di persona all’uccisione degli ebrei. Nella tradizione islamista oggi il canto “Khaybar Khaybar, ya yahud, Jaish Muhammad, sa yahud” è usato come grido di battaglia quando si attaccano ebrei o israeliani.

   

Il segretario del Consiglio dei Guardiani iraniani, l’Ayatollah Ahmad Janati, in un sermone a Teheran in onda sul primo canale ha spiegato che il conflitto fra Hezbollah e Israele ricorda la battaglia tra i discendenti di Ali (gli sciiti guidati da Hassan Nasrallah) e gli ebrei di Khaibar. I musulmani che hanno umiliato gli ebrei “vanitosi e arroganti” di Khaibar, proprio come Nasrallah sta facendo con Israele. Il messaggio di quello slogan è chiaro: l’armata islamista sta per colpire nuovamente gli ebrei. Per questo oggi in tutta Italia sinagoghe, scuole e centri ebraici sono protette dalle camionette dell’esercito.

   

Nel 2009, la manifestazione a Milano contro Israele culminò nella vasta, silenziosa distesa di fedeli musulmani raccolta in preghiera davanti al Duomo. Lanciarono strali contro lo stato ebraico, bruciarono i drappi con la stella di David su sfondo bianco, come se fosse una effige satanica. Non era mai successo prima. Adesso Milano si intesta un nuovo record. Scandire in una delle sue piazze più importanti quello slogan sinistro, vera e propria chiamata all’omicidio degli ebrei. Possono le autorità italiane, dal Prefetto di Milano Luciana Lamorgese al ministro dell’Interno Marco Minniti, consentire che a Milano si scandiscano questi slogan antisemiti usati dalle organizzazioni terroristiche? Cosa ne è della lotta all’antisemitismo? E tutte le nostre leggi contro l’incitamento all’odio e alla violenza?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • perturbabile

    29 Dicembre 2017 - 23:11

    Abbiamo questi potenziali, luridi assassini tra noi. E che dire della Francia, da cui gli Ebrei fuggono ma dove la legge punisce l'islamofobia' ? Non ne propone l'abrogazione, Macron, ha meriti ma non la sensibilità democratica dell''uguaglinza ... delle leggi di fronte al cittadino!'.

    Report

    Rispondi

  • adebenedetti

    29 Dicembre 2017 - 21:09

    Non posso perdere i suoi scritti. Rinnovero` al piu` presto il mio abbonamento.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    29 Dicembre 2017 - 19:07

    Dovrebbero vergognarsi di ricordare quei fatti che rendono Maometto un vero e proprio criminale di guerra. In quell'oasi furono trucidati uomini, donne e bambini e secondo alcuni testi Maometto, dopo l'eccidio, ne fu assai imbarazzato e cercò di discolparsi dicendo che gli ebrei di quell'oasi lo avevano tradito. Ma non era vero. Alla fine quei fatti non fanno altro che segnare una vera e propria maledizione per i mussulmani perchè li condanna ad una eterna violenza. Non fanno altro da secoli che uccidere ed uccidersi fra di loro. Senza pace, per sempre.

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    29 Dicembre 2017 - 18:06

    Egregio, ma hanno giù pronta la risposta: non contro gli Ebrei, ma contro Israele... Se posso dire, gli antisemiti europei di una volta erano più seri, mica si vergognavano. Ora vogliono fare gli antisemiti e piacere agli Ebrei. Che mi sembra una cosa folle, ma, badi bene, non incoerente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi