Zuckerberg ha un’arma per sopravvivere al Congresso: le divisioni politiche

Martedì e mercoledì il ceo di Facebook è in udienza davanti al Congresso americano sul caso Cambridge Analytica. Zuck ha promesso che cambierà, ma in realtà sta lottando per non cambiare

Eugenio Cau

Email:

cau@ilfoglio.it

10 Aprile 2018 alle 20:52

Zuckerberg ha un’arma per sopravvivere al Congresso: le divisioni politiche

Un'auto sfreccia davanti al quartier generale di Facebook a Menlo Park, California (foto LaPresse)

Roma. Il grand tour di pentimento di Mark Zuckerberg tra New York e Washington, prima nei salotti televisivi e nelle redazioni dei giornali per un giro di interviste tutte uguali che ha interessato tutti i principali media e poi, tra martedì e mercoledì, nelle sale del Congresso e del Senato americani, ha un obiettivo fondamentale: evitare che l’opinione pubblica e, soprattutto, i legislatori si rivoltino contro Facebook e promuovano un qualche sistema di regolamentazione del social network che lo costringa...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi