cerca

Tra football ed elezioni di mid-term, Nike riaccende la polemica sull’inno in ginocchio

Il marchio sceglie come testimonial Colin Kaepernick, quarterback dei San Francisco 49ers e icona della protesta contro le ingiustizie sofferte dagli afroamericani e dalle altre minoranze etniche

4 Settembre 2018 alle 17:10

Tra football ed elezioni di mid-term, Nike riaccende la polemica sull’inno in ginocchio

Giocatori dell'Nfl protestano contro Trump inginocchiandosi durante l'inno nazionale ameriucano (foto LaPresse)

C’è un odore misto, di quelli che si sentono nelle cucine di ristorante, in questa storia di Colin Kaepernick che riempie le cronache internazionali. La vicenda: Kaepernick per sei anni è stato un quarterback in servizio per i San Francisco 49ers, con un contratto oltre i 100 milioni di dollari nella ricchissima Nfl, la lega del football professionistico americano. Un buon giocatore in un ruolo chiave, anche se non un fuoriclasse, soggetto a periodici alti e bassi. Nella stagione 2016...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    04 Settembre 2018 - 19:07

    Un sentito elogio a Nike. Ed una considerazione : le grandi aziende non agiscono per impulsivita', ma con assoluto raziocinio. Questo significa che le rilevazioni compiute indicano una maggioranza solida in America che condivide questa scelta. È una buona notizia.

    Report

    Rispondi

Servizi