cerca

Santi, poeti e navigator

Istruttore di sci sulla Milano-Cortina? Addetto al Bosco Verticale? Bigliettaio alla seggiovia orizzontale? Conversazione estiva su come cambia il lavoro nella nuova Italia a trazione sovranista, tra reddito di cittadinanza, povertà abolita e concorsoni presi d’assalto. Appunti per l’autobiografia di una nazione

8 Luglio 2019 alle 10:34

Santi, poeti e navigator

Reddito di cittadinanza, il concorso per Navigator alla Fiera di Roma (foto LaPresse)

Ristoratore o portinaio, comunque anziano. E’ il lavoratore 2019 italiano che viene fuori dai dati degli ultimi giorni. Tra lavoro nero e lavoro ufficiale, tra smart worker e badanti, tra chi okkupa e chi sprofonda nella burocrazia, tra Di Maio che “odia chi crea lavoro” (così Renzi) e la disoccupazione ai minimi storici (così l’Istat), a lavorare sembrano soprattutto però i vecchi. Si capisce che ai giovani non resta che imbarcarsi su una Sea-Watch (“così optai per il mare”), o...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    08 Luglio 2019 - 16:04

    Ma poi i navigator sono più bravi di quelli che cercano lavoro? Io dubito. Quanto alla povertà aumenta e non certo diminuisce.

    Report

    Rispondi

Servizi