Estate di governo Draghi

"Fai il palo", "sei un pistolero". Salvini e Letta si prendono a gavettoni

Simone Canettieri

Si accende lo scontro tra Salvini e Letta. Il Pd ordina ad Alessia Morani di dare forfait (invitata dalla Lega) per solidarietà al segretario. Quanta pazienza servirà a Mario Draghi?

Milano Marittima - Dovrebbero fare le riforme insieme e invece si prendono a gavettoni. Matteo Salvini dice che Enrico Letta "fa il palo al sabotatore Conte e che è una banderuola". Il segretario del Pd gli risponde che sono "parole da pistoleri leghisti, che fai con i tuoi consiglieri di Licata e Voghera". E subito scatta la rissa, altro che unità nazionale.

 

Questi, Salvini e Letta, se le danno di santa ragione e la gara di gavettoni produce subito un effetto: la deputata dem Alessia Morani attesa domani alla festa della Lega a Cervia per partecipare a un dibattito sulla sicurezza con Nicola Molteni dà forfait. Non ci sarà. Il Nazareno ha tolto a tutti il passaporto: non si va alla festa del Carroccio, state alla larga, bisogna essere solidali con il segretario, paragonato a quello che faceva il palo nella banda dell'Ortica, come cantava Jannacci (stasera ricordato da Elio sempre a Cervia per un evento della Milanesiana, in contemporanea con l'intervista di Salvini in piazza).

 

Serracchiani, Bordo, Fiano, Morani escono in batteria su Twitter contro Salvini gli rinfacciano i drink del Papeete, motivo secondo loro di questo attacco così scomposto al segretario del Pd. Sta per iniziare il semestre bianco. Buon lavoro a Mario Draghi. Sevirà pazienza.

Di più su questi argomenti:
  • Simone Canettieri
  • Viterbese, 1982. Al Foglio da settembre 2020 come caposervizio. Otto anni al Messaggero (in cronaca e al politico). Prima ancora in Emilia Romagna come corrispondente (fra nascita del M5s e terremoto), a Firenze come redattore del Nuovo Corriere (alle prese tutte le mattine con cronaca nera e giudiziaria). Ha iniziato a Viterbo a 19 anni con il pattinaggio e il calcio minore, poi a 26 anni ha strappato la prima assunzione. Ha scritto per Oggi, Linkiesta, inserti di viaggi e gastronomia. Ha collaborato con RadioRai, ma anche con emittenti televisive e radiofoniche locali che non  pagavano mai. Premio Agnes 2020 per la carta stampata in Italia.