cerca

La natura grillina dietro al rifiuto di Lagarde

In una sola astensione si mostrano complottisti, inaffidabili e ignoranti

17 Settembre 2019 alle 20:15

La natura grillina dietro al rifiuto di Lagarde

Con il rifiuto di votare per Christine Lagarde a presidente della Banca centrale europea, il Movimento 5 stelle ci ha di nuovo ricordato di che pasta è fatto: un partito di populisti scassabanche che, a prescindere dal merito e dai fatti, è capace di orientarsi su qualsiasi stupidaggine possa compiacere il popolo del risentimento. E si conferma così il sospetto che non si possa guarire da se stessi, e che insomma l’europeismo così rapidamente germogliato (e mai spiegato dopo il voto a Ursula von Der Lyen) tra le file grilline possa marcire altrettanto rapidamente. I motivi dell’astensione, per come spiegati dagli eurodeputati di Casaleggio e Di Maio, appaiono infatti come una summa di banalità da bignami del complotto.

  

Lagarde, ex direttore del Fondo monetario internazionale, sarebbe infatti “corresponsabile dell’austerità” e “non ha avuto pietà verso paesi in difficoltà come Grecia” (Nicola Pedicini). Fino a iperboli grilline vecchio stampo, a riprova del proverbio siciliano secondo il quale “chi nasce tondo non muore quadrato”. Un esempio? “Non voteremo la Lagarde per rispetto ai popoli affamati dalle politiche del Fmi da lei diretto” (Ignazio Corrao).

 

Si segnala così un problema per il Pd, un rischio di cui dovrebbero tener conto Dario Franceschini e tutti gli altri sostenitori di un’alleanza addirittura organica (e non solo episodica) con il M5s. I grillini sono notoriamente campioni di ginnastica a corpo libero: insomma di capriole. Non avendo nessun orizzonte ideale né culturale cui rispondere, possono facilmente prendere posizioni in contratto le une con le altre. E nel giro di pochissimo tempo dar vita a dei veri testacoda. Senza mai dover spiegare nulla. Martedì hanno addirittura contestato, e non votato, un candidato alla presidenza della Bce che aveva usato come bandiera la parola “crescita” al posto di “austerità”. “Le persone hanno bisogno di sapere che è la loro banca centrale e che sta facendo politica con a cuore i loro interessi”, aveva detto Lagarde, sventolando pure l’idea di una Bce pronta a investire sulle politiche ambientali. In un solo voto (anzi: in un sol colpo) i grillini hanno ancora una volta confermato la loro natura tetragona e inaffidabile. Attenzione.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Ferny55

    18 Settembre 2019 - 17:48

    Ma nessuno si ricorda delle accuse alla Signora durante il suo mandato al FMI?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    18 Settembre 2019 - 14:29

    A ciascun giorno la sua pena. Ogni giorno l'Italia ha i bercianti grillini.

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    17 Settembre 2019 - 22:22

    Com'è andata l'elezione della Presidente della Commissione? Il giorno prima Salvini era a favore di Ursula e i 5S contro. Poi è intervenuto Conte, spiegando che i 5S avrebbero avuto un vantaggio a votare a favore. Poi Ursula si è rifiutata di ricevere la Lega. Così le posizioni di sono invertite ed è partita la leggenda della conversione europeista dei 5S, utile al progetto politico alla base del Conte bis (già in gestazione). Ma chi fa una giravolta è capace di farne anche una seconda e poi una terza. Meno male che i ministeri chiave nei rapporti con l'EU sono in mano al PD.

    Report

    Rispondi

Servizi