cerca

Ed eccoci al bivio tra due governi che fanno ridere e il voto che fa piangere

La via più semplice era un governo di minoranza dei Cinque stelle, con l’appoggio esterno o tecnico del Pd. Mattarella avrebbe dovuto favorire questo esito

25 Agosto 2019 alle 06:11

Ed eccoci al bivio tra due governi che fanno ridere e il voto che fa piangere

Foto LaPresse

Quando il Truce minacciò di prendersi il paese con i pieni poteri sembrò naturale che non gli fossero dati, l’uno e gli altri. Per decenza, e per senso della storia. Uno che in Parlamento ha il 17 per cento, e che vola nei sondaggi e alle Europee perché fa il bullo da un Viminale di spiaggia, dove esercita il doppio ruolo inaudito di caporione di partito e ministro della forza e non mette praticamente piede usandolo per intemerate e comizi, è meglio che vada all’opposizione a leccarsi le ferite che si autoinfligge con le sue losche provocazioni. Il voto subito, in questo caso mito per gli allocchi che non sanno che cosa sia un ribaltone, e cianciano di parola al popolo quando la formula sa di presa di potere di un uomo solo, mentre non dissero “al voto! al voto!” quando si trattava di ristabilire le regole del maggioritario, è un piegare la schiena al prepotente, peggio, è un cedimento all’ineluttabilità della prepotenza che una quasi certa maggioranza di italiani prenderebbe al volo come un segnale di rassicurazione e di servaggio, un plebiscito in circostanze emergenziali un anno e poco più dopo le elezioni nazionalpopuliste del 4 marzo 2018. Impedire tutto questo sembrava possibile imboccando la via più semplice: il Bisconte, un governo di minoranza di chi aveva preso il 32 per cento alle politiche appena svolte, con l’appoggio esterno o tecnico del principale partito di opposizione costituzionale e democratica. Mattarella avrebbe dovuto favorire questo esito, e non blaterare di urgenza dopo aver concesso tre mesi di trattative per il piccolo ribaltone del contratto (con il Truce che molla Berlusconi e sposa Giggino), accennando da uomo politicamente spento a finestre legislative o elettorali, o alla necessità di una maggioranza politica sicura e forte laddove questa non c’era nei fatti e nella decenza.

  

Niente. A forza di viltà o stupidità, in assenza di una seria comunità politica e civile, capace di memoria e di storia, ci troviamo al bivio tra due governi che fanno ridere (un esecutivo con ministri e ministresse grillozze e piddine, un nuovo governo rimpastato di Giggino con la Lega del Truce pentito) e una possibilità, il voto, che fa piangere. Siccome non bisogna ridere né piangere, ma capire, dice la saggezza di tutti i tempi, si dovrebbe tornare subito ai fondamentali. Burocrati e bibitari dovrebbero capire che la politica non è codicillo né aranciata. Alle elezioni appena svolte non ci fu un vincitore assoluto, perché i nazionalpopulisti erano divisi e si guardavano con gran corruccio, e il centrodestra non ebbe la maggioranza, ci fu solo un perdente, il Pd, e un partito di maggioranza relativa solida, i 5 stelle. L’Italia e l’Europa hanno pagato lo scotto di una coalizione minacciosa e burlesca al tempo stesso, che ora è esplosa sotto l’offensiva dell’uomo della Provvidenza o della Previdenza (quota 100, un fallimento). Chi aveva la maggioranza relativa si assume la responsabilità di andare avanti e garantire un governo, chi era rimasto in minoranza come secondo partito consente il male minore per evitare il peggiore, esercita la sua legittima influenza negoziando i suoi voti senza avidità di ministeri, una dieta politica e estetica. Bisconte, appunto. Ma sono cose semplici, sono le avventure limpide della politica parlamentare, che i non avventurieri dovrebbero fiancheggiare con intelligenza in attesa che si sgonfi la bolla demenziale della truceria Papeete. Magari con una riforma elettorale che metta fuori gioco, altro che rafforzamento dei collegi e taglio ad hoc dei parlamentari, la carica eversiva di un partito pigliatutto, le pulsioni autoritarie del caporione della Lega, un partito che fu di governo a Milano, a Venezia, a Torino (governo così così ma governo).

 

Nella politica com’è, non solo tra i nuovi venuti ribaldi, anche nell’aristocrazia corrotta e bolsa delle migliori menti commentatrici, la forza della semplicità e dell’energia per il paese non c’è o ancora non si vede. C’è la tendenza al grottesco, il rimpasto tra nemici contrattisti in attesa di nuova rottura plebiscitaria o il governo di Bibbiano, due cose ad alta gradazione alcolica. Peccato. Per fortuna inizia il campionato di serie A, ci saranno gli Us Open, buoni libri da leggere, musica da ascoltare, passeggiate da fare, lavoro da sbrigare, in un estenuante e avvilente clima postrepubblicano.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gaetano.tursi@virgilio.it

    gaetano.tursi

    26 Agosto 2019 - 16:39

    Il direttore Cerasa, nel fare l’elenco di “tutte le accuse che la Lega non potrà fare al mostro di governo formato da Pd-M5s”, conclude che “sarà uno spasso” vedere cosa si inventerà la “Lega di lotta” fuori dal governo, contro tale “mostro”. E cosa mai potrebbe inventarsi di più spassoso di una coalizione di governo che - per “discontinuità” (con il mandato popolare?) - venisse costituita tra lo schieramento che … ha perso le elezioni politiche e quello… che ha perso le elezioni europee? E allora preferisco la chiusura di oggi dell’altro direttore (quello emerito): “Per fortuna inizia il campionato di serie A, ci saranno gli Us Open, buoni libri da leggere, musica da ascoltare, passeggiate da fare, lavoro da sbrigare”.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    26 Agosto 2019 - 15:47

    Anche se ci si sforza ad essere al di sopra delle parti , è difficile rimanere apatici alle considerazioni dell'emerito direttore. Di ribaltoni ed inciuci , volgarmente chiamati i compromessi politici necessari per mandare avanti la nostra barca sconquassata da persone per bene e per male, che di volta in volta si avvicendano nel nostro panorama politico , ne è piena la vita politica italiana. Ed allora perché allarmarsi . Godiamoci, ciascuno pensando al proprio beniamino od eroe che ci rappresenta, il momento politico attuale, augurandoci che con esso il peggio sia passato.

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    25 Agosto 2019 - 22:43

    Farà pure ridere, ma a me il #governoEpstein (mostruoso, immorale, suicida) che si sta preparando non fa ridere affatto.

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    25 Agosto 2019 - 20:31

    Si prepari, Emerito, dovrà mangiarne di m.... come diceva il paroliere: Plasir d'amour (la forse momentanea defenestrazione di Salvini) ne dure u'en moment, chagrin d'amour (il governo ridicolo che fare cose ridicole, antimpresa, la patrimoniale anticlassse media,antitutto, ma salverà il portafoglio delle COOP e altre amenitù della Ditta) dure toute le vie. Prosit.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi