cerca

Il guaio dello scandalo ridotto a pettegolezzo

Sembra un paradosso, ma una volta i segreti del potere rendevano la politica più “trasparente”: tra la correttezza e lo scandalo era segnato un confine abbastanza preciso

14 Luglio 2019 alle 05:28

Il guaio dello scandalo ridotto a pettegolezzo
Sembra un paradosso, ma gli arcana imperii, i segreti del potere, rendevano la politica più “trasparente”, per usare questa definizione per dummies dell’etica pubblica. Preso con le mani nel vasetto della marmellata attraverso il solito audio intercettato, il Truce o Salvoini (proto, rispettate il facile e volgaruccio gioco di parole) è certo di poter prendere tutti per il culo. Dice che non beve vodka, che quel Salvoini chissà chi è, et voilà, le jeux sont faites, come al Casino. E’...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • oliolà

    14 Luglio 2019 - 19:07

    Io non so dove si potrebbe tracciare il limite fra i due mondi (di mezzo). Oramai non è più possibile. Le due metà, correttezza e scandalo, si sono ridotte a due sottilissimi, evanescenti, segmenti geometrici, che, come si sa, hanno una sola dimensione: la lunghezza. In mezzo una vastissima prateria in cui tutto si scolora. Una volta il tempo era galantuomo. Ricordate Leone? il tempo è diventato relativo, come lo spazio, e la retta è diventata curva.

    Report

    Rispondi

  • lisa

    14 Luglio 2019 - 16:04

    Si, era meglio

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    14 Luglio 2019 - 16:04

    È pretendere troppo quello che lei afferma. Rimaniamo sul livello nostrano di prenderci per il culo , è il comportamento che ci riesce meglio . Sarà più difficile farlo digerire ai dittatori.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    14 Luglio 2019 - 15:03

    La politica è sempre uguale, losca e machiavellica in più farabutta se, per esempio, per darti alla politica prendi soldi dai russi. Se questo è, fosse vero, Salvini sarebbe un farabutto da cacciare dal paese, messo su un barcone alla deriva del mare salato. Se, al contrario, non è vero ma è la solita porcata per delegittimarlo o contenerlo, allora quale occasione migliore per togliersi il piombo Di Maio dalle palle e andare al voto? Questo è l’arcano direttore e non si capisce perché non lo fa. Se anche Mattarella tergiversasse e arrivasse ad un governo PD-5S, per Salvini sarebbe manna dal cielo perché quei due partiti da libera uscita aprirebbero a Salvini Palazzo Chigi con uno share del 48%. Questo è il punto di Salvini che non si capisce e da qui nascono i legittimi sospetti. Le legioni ce le ha, i colonnelli pure. Manca il coraggio? Non sembra. Quindi? Gatta ci cova. Il truce che non va al voto subito e fa la fine di Renzi? Che figura di merda.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi