cerca

Il futuro del governo dipende più dai disastri di Salvini e Di Maio che da Siri

Un sondaggio del Censis ci racconta qualcosa di interessante non tanto sul consenso dei partiti di governo quanto sulla percezione dei loro risultati

9 Maggio 2019 alle 06:10

Il futuro del governo dipende più dai disastri di Salvini e Di Maio che da Siri

Foto Imagoeconomica

Tra i molti sondaggi interessanti che i follower di Matteo Salvini non vedranno comparire facilmente sulla timeline mediatica della propaganda trucista ce n’è uno significativo che ci può aiutare a capire la ragione per cui, al netto del caso Siri, l’avventura del populismo di governo è destinata a non avere una vita lunga. La ragione non è legata alla distanza sempre più marcata tra il vicepremier leghista e il suo parigrado grillino ma alla qualità dei risultati ottenuti dai campioni del cambiamento populista nel corso del loro primo anno alla guida del paese.

 

Ieri mattina, il Censis ha presentato un sondaggio – clamoroso – condotto insieme a Conad, dedicato al “Sogno di un paese che vuole tornare a crescere”, e ha messo in fila tre dati che ci raccontano qualcosa di interessante non tanto sul consenso dei partiti di governo quanto sulla percezione dei loro risultati. Il primo sondaggio è dedicato alla percentuale di italiani convinta che negli ultimi mesi la situazione economica del paese sia peggiorata. La percentuale è impressionante: per il 55,4 per cento l’economia è peggiorata, per il 36,9 è rimasta uguale, per il 7,7 è migliorata. Il secondo sondaggio è dedicato all’ordine pubblico e su questo terreno i miglioramenti sarebbero stati percepiti dal 10,1 per cento degli italiani, mentre i peggioramenti dal 42,3 per cento. Il terzo sondaggio più che il passato riguarda il futuro e anche qui, ancora una volta, i numeri sono sorprendenti, difficilmente troveranno posto in apertura dei notiziari e ci dicono che la percentuale di italiani convinta che dal punto di vista economico per l’Italia il peggio debba ancora arrivare è del 48,4 per cento, mentre chi è convinto che migliorerà rappresenta una quota del 16,9 (e il 40,2 per cento pensa che a peggiorare sarà anche la sicurezza).

 

Il Censis offre anche altri dati gustosi e in controtendenza come quello dedicato al tema dell’Italexit (il 66,2 è contrario all’uscita dall’euro, il 65,8 per cento è contrario all’uscita dall’Unione europea) ma questa piccola carrellata di numeri ci offre la possibilità di sviluppare alcuni ragionamenti intorno ai quali si intrecciano almeno tre temi interessanti: il futuro del governo, i danni causati dal populismo, il vuoto dell’opposizione.

 

Al di là delle tensioni e degli schiaffi sul caso Siri (Salvini aveva minacciato sfracelli nel caso in cui il sottosegretario leghista fosse stato cacciato dal governo e gli sfracelli non ci sono stati), il leader della Lega è il primo a sapere che la truffa del populismo di governo non può che avere i mesi contati. E più passerà il tempo, più Salvini tarderà dopo le europee a capitalizzare il consenso che tutti i sondaggi gli attribuiscono (secondo Nando Pagnoncelli la Lega è al 37 per cento) e più sarà difficile per il leader della Lega continuare a ingannare gli italiani spacciandosi per la vittima e non per il responsabile del peggioramento delle condizioni del nostro paese.

 

I danni causati dal populismo, secondo punto, sono quelli che riguardano l’economia, certo, ma sono anche quelli legati a un altro fenomeno di cui Salvini è stato carnefice e di cui potrebbe restare vittima: la prevalenza nel dibattito pubblico dell’agenda della percezione su quella della realtà. In passato è stato il Truce a giocare con la paura negando la realtà dei numeri offerti dalle istituzioni sui crimini commessi nel paese (anche se la paura aumenta da anni, i crimini sono in calo da anni) ma il fatto che subito dopo gli episodi di violenza armata registrati a Napoli il ministro dell’Interno sia stato costretto a combattere una possibile percezione negativa del suo operato con i numeri della realtà (tra il 2018 e il 2019, ha detto Salvini la scorsa settimana, gli omicidi – seguendo il trend degli ultimi anni – sono diminuiti del 12,2 per cento, i tentati omicidi sono calati del 16,2, le rapine sono calate del 20,9) è un indizio di un problema con il quale prima o poi lo stesso leader della Lega dovrà fare i conti: difendersi dalla distorsione creata dal partito dell’allarmismo di cui Salvini è stato a lungo tessera numero uno.

 

L’ultimo elemento di riflessione riguarda infine lo stato di salute di un’opposizione che di fronte ai numeri del Censis dovrebbe essere, in prospettiva, più preoccupata di Salvini. E il punto su cui concentrarsi in fondo è semplice: come è possibile che gli elettori continuino a premiare con tanta convinzione partiti che danno ogni giorno prova di far male al paese e di essere in contrasto con le priorità degli italiani? La risposta è tutta nell’altra grande anomalia del paese, un grande vuoto costituito da un’alternativa onesta che continua però drammaticamente a far notizia per quello che fa e mai per quello che dice.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    09 Maggio 2019 - 19:07

    Al direttore - Il governo gialloverde non ha conquistato la maggioranza parlamentare con un colpo di stato. Spetta agli elettori italiani togliergli, democraticamente, col voto, quella maggioranza. Già, se fossimo un paese, un insieme di persone che conoscono le regole della democrazia. Siamo ancora abbarbicati alla "partitocrazia" del buon caro Pannella. Anzi peggio, allora c'erano i partiti e le loro identità, oggi masse informi di incompetenti e azzeccagarbugli e imbroglioni, divisi in comitati d'affari alla caccia del denaro pubblico. Resurgere? Post fata modo.

    Report

    Rispondi

  • Medicaid

    09 Maggio 2019 - 17:05

    Ho l' impressione che manchi qualsiasi notizia, riflessione( ad eccezione di Scalfarotto e pochi altri) mobilitazione riguardo alla riforma distruttiva della Costituzione che sta avanzando in Parlamento. Vorrei molto essere smentito.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    09 Maggio 2019 - 15:03

    La situazione politica italiana piuttosto confusa costringe che desidera commentare i fatti politici ad essere ripetitivi all'inverosimile. Fatto è che l'attuale governo non risolve i problemi, ma le forze di opposizione non mi pare davvero che abbiano idee e programmi per cambiare questo stato di cose. Intanto in Italia impazzano i sondaggi, anche se personalmente non sono stato mai interpellato e, come me, milioni e milioni di italiani. E con i sondaggi in Italia si governa e si continua ad essere in campagna elettorale perenne. Sondaggi che danno pubblicità a coloro che li diffondono, ma che poi non registrano mai la realtà.

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    09 Maggio 2019 - 14:02

    Salvini conta sulle prossime elezioni europee. Facesse il botto il suo partito, assieme agli altri "sovranisti", forse si salverebbe dal giudizio di realtà che attende lui, e il suo governo, dietro l'angolo. Dopo le elezioni. E tuttavia occorre dare atto al "nostro", nel senso che oramai è accreditato a un 37% di gradimento, di essere gran manipolatore e trasformista, più che fascista. Ovvero il suo merito, se così lo vogliamo chiamare, è stato, è quello di essere interpretare meglio di altri dello "zeitgeist" che vige nell'hic et nunc. In Italia ma non solo, e tra la gente. Ha saputo insomma dare voce al sentire, al murmure incazzato della "common people" dei nostri giorni. Un sentire che non ha più niente di "leftish", ma ama tutto ciò che era della vecchia destra nazionalista. Il prima noiautri! Common people. Certo, e Salvini è sopratutto un "commonista" di successo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi