Travaglio sparge fake news a schiena dritta

David Allegranti

Il direttore del Fatto Quotidiano non dice che la Tav dimezzerebbe i tempi di percorrenza per i passeggeri, e non solo per le merci

Roma. A spargere bufale in giro sulla Tav non ci si mette solo Chiara Appendino, sindaca di Torino, che martedì sera su Facebook ha detto che la linea ad alta velocità Torino-Lione serve solo per il trasporto merci. C’è anche il direttore del Fatto Quotidiano, Marco Travaglio. Prima in tv a DiMartedì, dove se l’è presa con le organizzatrici della manifestazione a favore della Tav, sminuendone non solo il significato politico ma anche numerico, poi sul Fatto in edicola il giorno dopo. Con il ditino metaforicamente alzato, Travaglio s’è prodotto su La7 in un capolavoro: “Il problema dell’Italia – ha spiegato – è che ha detto troppi sì senza fare analisi costi-benefici. Se si fa l’analisi costi benefici del Tav – perché, vi informo, è un treno, treno ad alta velocità, si chiama il Tav, non la Tav – si scoprirebbe innanzitutto che è un treno merci e che quindi tutti quelli che vogliono salirci sopra non ci saliranno mai, perché è un treno per le merci”.

 

Il concetto è stato ripetuto ieri nell’editoriale. Ora, se Travaglio cambiasse informatori (gliene suggeriamo uno: Google), scoprirebbe che un’analisi costi-benefici è già stata fatta, nel 2012, e che è stata addirittura presentata al pubblico con una conferenza stampa il 26 aprile 2012. Nel documento, facilmente reperibile sul sito della presidenza del Consiglio, ci sono le previsioni di traffico passeggeri sul corridoio ferroviario al 2035 (più 1,8 milioni rispetto alla situazione senza progetto). In un altro documento, sempre reperibile sul sito del governo, si legge che “grazie alla diminuzione della pendenza dall’attuale 33 per mille al 12,5 per mille, si dimezzano i tempi di percorrenza per i passeggeri (da Torino a Chambery si passa da 152 minuti a 73; da Parigi a Milano da 7 a 4 ore), mentre si realizza un importante incremento della capacità nel trasporto merci (portata da 1.050 a 2.050 tonnellate e lunghezza fino a 750 metri per treno) con costi di esercizio quasi dimezzati”. Merci e passeggeri, dunque. E i numeri, scrive un documento dell’Osservatorio sull’asse ferroviario, sono stati confermati nel marzo 2018: “Gli scenari di traffico analizzati confermano nella sostanza la correttezza dei volumi posti alla base del modello di esercizio 2012 Fase 1”. Travaglio insomma spara fake news, però a schiena dritta. 

Di più su questi argomenti:
  • David Allegranti
  • David Allegranti, fiorentino, 1984. Al Foglio si occupa di politica. In redazione dal 2016. È diventato giornalista professionista al Corriere Fiorentino. Ha scritto per Vanity Fair e per Panorama. Ha lavorato in tv, a Gazebo (RaiTre) e La Gabbia (La7). Ha scritto cinque libri: Matteo Renzi, il rottamatore del Pd (2011, Vallecchi), The Boy (2014, Marsilio), Siena Brucia (2015, Laterza), Matteo Le Pen (2016, Fandango), Come si diventa leghisti (2019, Utet). Interista. Premio Ghinetti giovani 2012. Nel 2020 ha vinto il premio Biagio Agnes categoria Under 40. Su Twitter è @davidallegranti.