cerca

Per Salvini l’Abruzzo val bene il Piemonte. Bellachioma: “Obbedisco”

Prima il sud. Un passo indietro in terra sabauda per blindare la candidatura del pioniere teramano. Riccardo Molinari: "Vicende slegate"

4 Settembre 2018 alle 10:49

Per Salvini l’Abruzzo val bene il Piemonte. Bellachioma: “Obbedisco”

Foto LaPresse

Roma. Ciò di cui nessuno dubita, e ci mancherebbe, è che alla fine deciderà Matteo Salvini. “Lui è il capo, lui comanda: nella Lega funziona così”, dice Giuseppe Bellachioma. E si capisce subito che più che un atto d’umiltà è un atto d’obbedienza quasi obbligato, quello del segretario abruzzese del Carroccio. Lo stesso che fa pure Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera e luogotenente in Piemonte, che ci tiene subito a ridimensionare il clamore strisciante delle indiscrezioni che circolano in questa rentrée settembrina a Montecitorio: “Ma quale scambio, non scherziamo. Per la Lega il Piemonte è una regione strategica”. E insomma “le due vicende sono slegate”, garantisce al Foglio Molinari.

 

Giuseppe Bellachioma (foto Imagoeconomica)Ma la voce corre lo stesso, tra i parlamentari abruzzesi del centrodestra. Ed è una voce che, in buona sostanza, dice questo: che Salvini sarebbe disposto a cedere a Forza Italia la candidatura unitaria in Piemonte, nel 2019, pur di blindare un suo fedelissimo alle imminenti regionali abruzzesi. Pettegolezzi? Bellachioma la racconta così: “E’ chiaro che, nell’ottica di una trasformazione della Lega in un partito nazionale, quella abruzzese è una battaglia campale. La nostra regione può essere l’ago della bilancia degli equilibri del centrodestra e non solo, e può decretare il successo del progetto di Matteo”. E dunque c’è poco da discutere: “In Abruzzo, che si voti a novembre o a marzo, il candidato del centrodestra sarà espressione della Lega”, insiste Bellachioma, capogruppo in commissione Bilancio a Montecitorio. E poi, quasi a prevenire l’obiezione: “E sia chiaro – aggiunge – che la priorità va data a chi ci ha sempre messo la faccia”. Come a dire che insomma sono tanti, forse perfino troppi, gli aspiranti leghisti dell’ultim’ora. “Deve essere chiaro che il nostro è un carro che si tira, non un carro su cui si sale. Se si decidesse per il partito unico del centrodestra, qui da noi ci metteremmo quindici giorni a crearlo. Adesso la Lega ha sex appeal, in Abruzzo, e sono parecchi i sindaci e i consiglieri regionali di Forza Italia e Fratelli d’Italia che mi cercano. Ma io gliel’ho detto: prima fatevi tre mesi di gruppo misto, e poi sbattetevi sul territorio. Si entra in Lega da militanti, e non da dirigenti”, sentenzia, e lo fa con una certa dose di autocritica, lui che nel minacciare i pm che indagano su Salvini (“Se toccate il Capitano vi veniamo a prendere sotto casa.. Occhio!!!”, ha scritto su Facebook nei giorni caldi della Diciotti) riconosce di aver agito, appunto, “più da militante che da dirigente”. Grado che comunque, ci tiene a rivendicarlo, lui si è “guadagnato sul campo”, visto che “la Lega qui l’ho costruita davvero dal nulla, sin da quando, nel novembre del 2014, mi consideravano un visionario”.

 

E insomma, quasi non volendo, Bellachioma risolve l’enigma: chi, se non lui, potrebbe guidare il Carroccio in questa campagna d’Abruzzo divenuta inaspettatamente fondamentale? Sorride: “Il mio nome non è stato fatto per ora”. E però? “E però decide Matteo: se lui comanda, io sono pronto a obbedire”, dice, in una versione celodurista dell’antico “sono a disposizione”, confermando con un nuovo sorriso che sì, l’idea di essere lui il primo governatore terrone della Lega gli piace da matti. E certo anche Molinari è un soldato che rispetta gli ordini, ma pure – lui che, dicono a Torino, sarebbe il solo leghista a potersi candidare in Piemonte, per ragioni di prestigio e di gerarchie interne – precisa: “Faccio il capogruppo alla Camera di un partito di governo. Sono più utile lì ora”.

Valerio Valentini

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi