cerca

"Forza Europa" piace ai francesi e si fa lista (con i Radicali). Nasce "+ Europa"

La lista è guardata con molto interesse dal Pd, seppure con il solito interrogativo sulle mosse anche impercettibili di Bonino rispetto a Giuliano Pisapia e viceversa

22 Novembre 2017 alle 12:52

"Forza Europa" piace ai francesi e si fa lista (con i Radicali). Nasce "+ Europa"

Foto LaPresse

Roma. Hanno cominciato col dire “Forza Europa”, ma domani, a Roma, presenteranno, insieme a Emma Bonino e ai vertici di Radicali italiani, la lista europeista-federalista “+Europa” (la grafia non è casuale, come il simbolo “variopinto ma non arcobaleno”, con il nome di Emma Bonino in evidenza). Una lista che, in questo momento di incertezza anche sondaggistica, è guardata con molto interesse dal Pd, seppure con interrogativo amletico costante sulle mosse anche impercettibili di Bonino rispetto a Giuliano Pisapia e viceversa. Intanto, però, i liberal-europeisti di “+ Europa” hanno catturato sguardi all’estero: il presidente francese Emmanuel Macron, infatti, vuole lanciare una formazione-coalizione paneuropea per le elezioni del Parlamento Ue (nel 2019), e per quanto riguarda l’Italia guarda a “Forza Europa/+ Europa” (oggi uno dei più giovani promotori di “Forza Europa”, Piercamillo Falasca, ne parlerà con il francese Antoine Arel, che in Italia ha animato uno dei comitati macroniani di “En marche”). Ma qual è la direzione della lista? Quali i potenziali sostenitori? Quale la presa sull’elettorato? Dice il presidente di “Forza Europa” Benedetto Della Vedova: “Non da da oggi, ma almeno dall’estate del 2016, al Congresso del Partito radicale transnazionale di Rebibbia, e cioè da molto prima che questa legge elettorale facesse tornare in campo le ipotesi di apparentamento, ho posto il tema di quello che è oggi il discrimine tra formazioni politiche. Non più destra-sinistra, ma aperto-chiuso, per esempio chiusura commerciale verso apertura dei mercati, oppure: chiusura più o meno netta verso i migranti, verso una gestione ragionevole con flussi legali. In Italia il tema diventa: dentro o fuori dall’Europa? Macron, nel discorso della Sorbona, ha espresso quello che secondo me oggi è il vero spirito europeista, lontano mille miglia dalla grandeur sovranista. E penso che il vero futuro dell’Italia si giochi in Europa. Dopodiché, se la mettiamo sul tema ‘apparentamento’, è ovvio che in Italia, in questo momento, l’europeismo è più dal lato Pd, anche se quando Matteo Renzi dice ‘Europa sì ma non così’ io dico ‘Europa sì anche così’. Se però mi si chiede: ‘L’apparentamento è fatto?’, la risposta è no. Vedremo. Intanto abbiamo scritto una lettera aperta al presidenti del Consiglio sul tema delle firme: come ha detto Emma Bonino, ci si potrebbe ritrovare a raccogliere 50mila firme con modalità medievali tra Natale e Capodanno. E’ una questione di accesso alla democrazia. Il mio auspicio è che l’apparentamento ci sia, ma dobbiamo superare lo scoglio della raccolta-firme”.

 

Intanto i Radicali italiani che, come dice il segretario Riccardo Magi, stanno “attuando la mozione congressuale che impegna la dirigenza a promuovere una lista federalista europea che abbia al centro l’obiettivo ‘Stati Uniti d’Europa’, sottolineano, “controcorrente rispetto al dibattito pubblico di questi giorni, che le grandi questioni del nostro tempo ci fanno guardare alla Ue come all’unica risposta possibile. E questo tema viene prima di ogni altro punto programmatico”. “+Europa”, dice Falasca, “perché l’idea è quella di una lista che dica agli italiani che per risolvere i problemi del paese ci vuole più integrazione europea. Una lista che, in questa fase storica, ponga anche il tema della difesa di una Ue che ci ha garantito comunque sessant’anni di pace e prosperità”. Negli ultimi mesi, l’associazione “Forza Europa”, oltre al sostegno di Emma Bonino e dei Radicali, ha raccolto l’interessamento di Carlo Calenda, Carlo Cottarelli, Roberto Saviano, nomi a cui si guarda anche oggi in fase di lancio. Si guarda a un elettorato di “idee avanzate”, sparso tra le aree ex montiana, liberale, renziana deluso, ovviamente radicale. “Non vogliamo la sanatoria di organizzazioni pre-esistenti”, dice Falasca, consapevole però che “la prospettiva è ambiziosa” (e intanto resta il suddetto problema della raccolta-firme).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • malta1565

    22 Novembre 2017 - 16:04

    ostracizzare la bonino, imperativo morale

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    22 Novembre 2017 - 14:02

    Bonino da candidata presidente della Basilicata prese 18 voti-dico diciotto- sperando di sfruttare sempre la scia del vecchio Pannella e non approdando a nulla si è messa il turbante .Fa la maga . E in molti le credono ,ma la associazioni dei maghi non la vuole iscrivere perchè non è professionale e sono 30 anni che presenta sempre gli stessi trucchi ,che dir lo vero ogni tanto funzionano. non tanto perchè eccezionali quanto per il pubblico sempre più abboccone. luigi de santis

    Report

    Rispondi

    • massimilianomelley

      23 Novembre 2017 - 00:12

      Quando mai Emma Bonino si è candidata a presidente della Regione Basilicata? Era candidata nelle liste de La Rosa nel Pugno nel 2013, con Elisabetta Zamparutti candidata presidente. La Bonino prese 28 voti nella circoscrizione potentina e 13 in quella materana, ma non "doveva" prendere voti, era candidata (ultima in entrambe le liste provinciali) per sostenere la RnP, non certo per farsi eleggere consigliera regionale lucana. Cerchiamo di non dire stupidaggini. Massimiliano Melley

      Report

      Rispondi

Servizi