Da Lou Reed a De André, i ritratti d'autore di Guido Harari

Redazione

This browser does not support the video element.

Fotografo, ritrattista e critico musicale, Guido Harari è una miniera di aneddoti e storie curiose sui grandi della storia del jazz, del rock e del pop, a cui ha dedicato i suoi scatti. In 40 anni di carriera è stato il fotografo personale di tantissimi personaggi del mondo dello spettacolo. Fino al 24 dicembre 2017, una mostra a Torino, allo Spazio Don Chisciotte della Fondazione Bottari Lattes, racconta alcune delle icone dei grandi della musica firmate da Harari.

Lou Reed e i suoi famosi occhiali con lenti speciali che nel film "Blue in the face" di Jim Jarmusch gli donavano la "Lou's view", Leonard Cohen placidamente addormentato all'ombra di un opera d arte e ancora Ennio Morricone, ritratto attraverso i suoi occhiali e gli spartiti. "Uno degli artisti che ricordo con più emozione - ha spiegato Harari - è sicuramente Fabrizio De André, con cui ho collaborato per una ventina d'anni, dalla tournée con la Pfm del 1979 fino all ultimo disco Anime salve e a anche con Lou Reed c'è stata una lunga consuetudine iniziata sotto i lacrimogeni nel 1975, ai tempi in cui ai concerti c'erano incidenti. L'ho poi seguito negli anni insieme alla moglie Laurie Anderson".

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.