Il nazionalismo? Una parolaccia per troppo tempo e fa il gioco dei veri razzisti

“Il nazionalismo ha bisogno di licenziare la sua agenzia di pubbliche relazioni”, scrive Melanie Phillips. “E’ ampiamente considerato come sinonimo di fascismo, nazismo, bigottismo, guerra e olocausto. Il voto sulla Brexit, l’ascesa dei partiti nazionalisti in tutta Europa e l’elezione di Donald Trump si dice esemplificano il ‘nativismo’. Ora, un pensatore ha messo la testa nelle fauci del leone sostenendo che, al contrario, il nazionalismo è il baluardo della libertà e della democrazia. Yoram Hazony, un filosofo israeliano, è il fondatore ed ex capo dello Shalem Center di Gerusalemme. Questo college di arti liberali si proponeva di sfidare il fallimento delle università israeliane nell’insegnare i testi fondamentali alla base dell’identità ebraica e della civiltà occidentale. Tale fallimento è radicato nella convinzione di default tra gli intellettuali progressisti in Gran Bretagna, in America e nel resto dell’occidente, secondo cui la loro cultura è innatamente razzista e sfruttatrice e lo stato nazione è responsabile di tutti i mali del mondo. Questa convinzione è emersa in risposta al nazismo in Germania. Questo è stato attribuito al nazionalismo. Circoscrivi lo stato nazionale e abolirai il bigottismo, l’odio e la guerra. Esistono molte definizioni diverse di nazionalismo. Nel suo nuovo libro, ‘The Virtue of Nationalism’, Hazony lo definisce come ‘un punto di vista basato sul principio che considera il mondo come meglio governato quando le nazioni sono in grado di tracciare il proprio percorso indipendente, coltivare le proprie tradizioni e perseguire i propri interessi senza interferenze’. L’alternativa, dice, è l’imperialismo, che è intrinsecamente tirannico attraverso la ricerca di unire l’umanità sotto un unico regime politico. Al contrario, la lealtà reciproca nel cuore dello stato nazionale, basata su tradizioni condivise di lingua, religione, legge, cultura e altre caratteristiche, fornisce ‘l’unica base conosciuta’ per la tolleranza e la diversità, le istituzioni libere e le libertà individuali. Allora, che ne è della Germania nazista? Hazony sostiene che la Germania non era tanto uno stato nazionale quanto un classico potere imperiale perché voleva conquistare tutta l’Europa. Un vero stato-nazione, suggerisce, richiede intrinsecamente confini limitati perché si basa sulle particolarità dell’identità culturale. Le ideologie universaliste come il liberalismo, il marxismo e l’islam hanno mostrato di infiammare l’odio vizioso contro coloro che si oppongono a loro. Alcuni nazionalisti europei hanno associazioni problematiche con ideologie naziste o razziste. Altri stanno semplicemente combattendo per difendere la propria identità e cultura nazionale dall’erosione combinata di ‘imperialisti liberali’ e immigrazione di massa. Eppure, tutti sono demonizzati allo stesso modo. Ciò ha provocato una confusione letale. Le persone hanno il diritto di voler vivere in società che si identificano con un patrimonio comune e obiettivi. Eppure questo è ora considerato razzista, ‘nativista’ e illegittimo praticamente da tutto il mainstream politico. In Gran Bretagna e in America, i fenomeni Brexit e Trump costituiscono una rivolta di massa contro questa denigrazione dell’identità nazionale. In Europa, milioni di cittadini votano nuovi partiti che offrono loro la fine dell’immigrazione di massa, insieme all’impegno a resistere all’islamizzazione e a difendere la loro identità nazionale. Alcune di queste parti danno motivo di preoccupazione legittima a causa di alcune delle loro connessioni storiche. Alcuni sostenitori possono essere motivati da razzismo o pregiudizio anti-musulmano. In altre parole, i razzisti, i fascisti e i bigotti potrebbero essere portati a cavalcare la frustrazione di coloro che hanno un legittimo desiderio di preservare la cultura occidentale. La loro motivazione, tuttavia, non è la stessa. Milioni di persone vogliono difendere l’identità nazionale occidentale basata sulla tolleranza, la libertà e una legge uguale per tutti. Questi valori sono minacciati dall’immigrazione di massa e dal multiculturalismo. Fascisti o suprematisti bianchi non vogliono fermare l’immigrazione per preservare le decisioni occidentali. Sono motivati invece dall’odio verso gli altri, dalla brama di potere e dalla negazione dei principi fondamentali della società civile. La cosa inquietante, però, è che poiché tutto il nazionalismo è ugualmente demonizzato come irragionevole, molti sentono di non avere altra alternativa che votare per tali partiti, per quanto possano essere nocivi. Se lo stato nazione non riuscirà a sopravvivere, le società occidentali torneranno al tribalismo premoderno, al combattimento di gruppo per il potere e la supremazia e alle misure coercitive per l’opposizione. Possiamo già vedere qualcosa di simile. L’assalto degli universalisti liberali allo stato nazione ha prodotto politiche di identità totalitarie, cultura delle vittime e sfacciato antisemitismo che ancora una volta scorrono nelle vene della Gran Bretagna e dell’Europa. Lungi dall’impedire il bigottismo e l’intolleranza, la delegittimazione dello stato nazionale e la corrispondente demoralizzazione della cultura occidentale li ha infatti fomentati.

Il desiderio che ha una grande maggioranza di persone di sostenere la propria cultura storica e la propria identità, con legislature democraticamente elette che approvano leggi che riflettono quel progetto nazionale condiviso, non è una via per la distruzione della libertà, della tolleranza e della decenza. E’ – conclude Melanie Phillips – l’unico modo per difenderle”.

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.