cerca

La capacità d’ascolto
del Consulente filosofico

Il suo riconoscimento è di fondamentale importanza in questa fase storica perché vi è necessità e urgenza, sostiene Galimberti, di un ritorno alla pratica filosofica, mezzo elettivo per risolvere la questione del senso dell’esistenza di ogni singolo individuo

Davide D'Alessandro

Email:

filosofeggiodunquesono@gmail.com

18 Febbraio 2018 alle 19:31

La capacità d’ascoltodel Consulente filosofico

La filosofia come attività privata, rivolta a chiunque faccia richiesta delle competenze di un filosofo per riflettere criticamente sulla propria concezione del mondo, è nata in Germania nel 1981, con il nome di Philosophische Praxis, grazie al filosofo tedesco Gerd B. Achenbach. È lui a dare inizio agli studi dedicati a questa disciplina che lo portano a fondare, nel 1982, la prima associazione mondiale per la consulenza filosofica, la G.P.P., che qualche anno dopo diventa I.G.P.P. (Internationale Gesellschaft für Philosophische Praxis). Dalla metà degli anni ‘80 la consulenza filosofica si diffonde anche in altri paesi europei, soprattutto nei Paesi Bassi, per sbarcare nel 1992 negli USA, passando attraverso Israele, per merito dei filosofi Shlomit Schuster e Ran Lahav.

In Italia, nel 1994, Nicola Velotti, dopo aver partecipato alla prima Conferenza Internazionale sulla Pratica Filosofica organizzata a Vancouver da Ran Lahav e Lou Marinoff, stila il Manifesto Italiano della Pratica Filosofica, edito da Flaccovio, coadiuvato da vari filosofi, tra i quali Gerardo Marotta. Nel 1999 viene fondata l’Associazione Italiana di Counseling Filosofico (A.I.C.F.). Nel 2000 nasce l’associazione “Philosophic Therapy Center”, che avvia un primo corso di formazione in consulenza filosofica. Nel 2001 l’associazione A.I.C.F., dopo aver avviato un corso di formazione, viene sciolta a causa dei contrasti tra filosofi e psicologi. I filosofi fuoriusciti dall’ A.I.C.F. nel 2003 fondano la Phronesis (Associazione Italiana per la Consulenza Filosofica). Negli anni successivi nascono diverse associazioni su tutto il territorio nazionale, che propongono corsi di formazione, e il problema del riconoscimento professionale e della regolamentazione legale della professione diviene una questione particolarmente sentita dalla comunità dei consulenti filosofici italiani.

La svolta si ha con la legge del 14 gennaio 2013, n. 4 “Disposizioni in materia di professioni non organizzate” che regolamenta la professione di consulente filosofico, stabilendo all’articolo 6 che coloro che esercitano le professioni non regolamentate possono promuovere l’autoregolamentazione volontaria e la qualificazione della propria attività anche indipendentemente dall’adesione alle associazioni di categoria. Il consulente filosofico, con tale norma, assume la figura professionale che può operare nell’ambito aziendale, della comunicazione, della gestione del disagio individuale e collettivo e della formazione, trattando problemi di disagio e sofferenza nelle relazioni, nei conflitti familiari, nell’autostima, nell’identità, nelle dipendenze, nel disorientamento nell’affrontare cambiamenti drammatici e nelle crisi di fede e di sconforto.

Le principali strategie utilizzate dal consulente filosofico sono l’ascolto e le domande che aiutano e accompagnano il cliente nello sviluppo della consapevolezza della propria concezione del mondo e della conoscenza di sé. Il consulente filosofico aiuta quindi il cliente ad indagare su sé stesso in maniera critica e creativa, lo aiuta a ordinare gli elementi del ragionamento e a ricostruire il legame tra sentimento e pensiero e tra pensiero e azione, rendendo così possibile il cambiamento.

Il riconoscimento della figura del consulente filosofico è di fondamentale importanza in questa fase storica perché, come sostiene Umberto Galimberti, vi è la necessità e l'urgenza di un ritorno alla pratica filosofica, come mezzo elettivo per risolvere in maniera tangibile la questione del senso dell’esistenza di ogni singolo individuo. Per questo motivo, parafrasando Pier Aldo Rovatti, la consulenza filosofica può fornire agli psicologi un’occasione autocritica, mettendoli di fronte all’eccessivo tecnicismo delle loro discipline e pratiche e alla eccessiva burocratizzazione delle loro associazioni.

Una nuova intesa con la filosofia potrebbe servire agli psicologi per cominciare a ridiscutere le proprie assunzioni di pensiero. La “terapia a tutti i costi”, che caratterizza la nostra società eccessivamente “medicalizzata”, tende a creare un individuo inerte che concepisce la patologia come essenza della propria esistenza. La consulenza filosofica potrebbe, in ultima analisi, contribuire a una rivoluzione antropologica, permettendo a ogni individuo di prendersi cura di sé attraverso una sana “abitudine alla libertà”.

Davide D'Alessandro

Davide D'Alessandro

Saggista e consulente filosofico. Scrivo libri (i più recenti: Intervista a Machiavelli, con Antonio De Simone, La vita del potere, Potere & Morte. Le matite di Canetti, Morlacchi Editore), scrivo sui libri, sui loro autori, per interpretare e trasformare. Filosofeggio dunque sono.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • antonio pirisi

    21 Febbraio 2018 - 12:12

    Insomma, pratica filosofica più o meno come pratica religiosa … come dice San Paolo ( o Garimberti) o PL Rovatti (o il vangelo di Matteo): fulgido esempio di amore per l'autoreferenza, ma quando mai di sana “abitudine alla libertà? E poi ancora: 'mezzo elettivo (la consulenza filosofica nda) per risolvere in maniera tangibile la questione del senso dell’esistenza di ogni singolo individuo'. Può anche essere, ma rispetto a chi tutto ciò? A Platone o a Severino o magari, saltando Darwin, a Fusaro? saluti a. pirisi

    Report

    Rispondi

  • riflessivo

    19 Febbraio 2018 - 19:07

    Carissimo Prof. D'alessandro è da un pò che non ci sentiamo, sentivo la sua mancanza,temevo che avesse chiuso il suo blog che considero fondamentale per capire l'importanza e la portata anche pratica, come dimostrato da quest'ultimo articolo, della filosofia. E' reso palese che l'aspetto tecnico-specialistico delle varie scienze che nel corso dei secoli si erano staccate dalla filosofia non è più sufficiente a fornire quella profonda risposta di senso che solo la filosofia può fornire.Si, perchè la filosofia con il riflettere con il ragionamento sulla nostra condizione, una riflessione tanto ampia quanto profonda, ha un formidabile effetto terapeutico, spesso molto più incisivo della psicoterapia, apre orizzonti sconosciuti al tecnicismo delle varie "scienze umane", e si appalesa in tutta la sua portata come mediatrice e fattrice di un ragionamento superiore che solo può dare vero aiuto all'uomo, sia se essa è usata come terapia sia in senso specifico e generale. Cari saluti.

    Report

    Rispondi

    • Davide D'Alessandro

      21 Febbraio 2018 - 00:12

      Grazie di cuore, caro Dell'Albani. Non avrei saputo dirlo meglio. Viva la filosofia!

      Report

      Rispondi

Servizi