Lukashenka, l'uomo in vendita

Micol Flammini

Il dittatore va da Putin per la quinta volta e dice che gli accordi per finalizzare l'integrazione saranno pronti a fine ottobre. Suda e balbetta. Il presidente russo ha fretta di concludere, ma tanto sostegno al bielorusso è un rischio anche per il Cremlino 

Di più su questi argomenti: