cerca

Perché Macron dovrebbe rompere le relazioni diplomatiche con l'Italia

Merde alors! a questo paese che in soli sei mesi si è rivelato un paese di merda

8 Febbraio 2019 alle 06:14

Perché Macron dovrebbe rompere le relazioni diplomatiche con l'Italia

Foto LaPresse

Giusto o sbagliato, è il mio paese. Right or wrong, is my country. Diteglielo ai britannici, che sono stati mandati all’inferno dal presidente polacco dell’Unione per aver fatto la Brexit senza pensare a come farla, e poi sentirete che applausi fra le centinaia di migliaia di italiani che lavorano a Londra e ancora non si capacitano di questa provocatoria buffonata. Non è tedesco essere soltanto tedesco, scriveva Meinecke, autore tra l’altro del celebre saggio “Die Deutsche Katastrophe”, in difesa della...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    08 Febbraio 2019 - 23:11

    Forse che sia la paura a far rinsavire un paese che ha messo in mano a questi disgraziati il paese. Forse che sia la paura a far capire a questo paese che non siamo nessuno se svincolati da un contesto europeo, forse che sua la paura a farci vergognare di essere rapprresentati da cialtroni incompetenti e somari. Forse che sia giunto il tempo di non stare più a guardare ma che sia tempo di agire.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    08 Febbraio 2019 - 21:09

    D'accordo che i 5 stelle diventano sempre più stalle, ma la notizia è che non sapevo che il fondatore avesse preso la cittadinanza francese...

    Report

    Rispondi

  • gaetano.tursi@virgilio.it

    gaetano.tursi

    08 Febbraio 2019 - 20:08

    La verità è che Di Maio non è "populista" - quale che sia l'accezione che si voglia dare al termine - ma solo "pop". Peccato però che la politica (e la diplomazia) conoscono regole diverse da quelle dell'arte. Replicare in serie la banalità di un oggetto ha consegnato alla gloria i barattoli Campbell immortalati da Andy Warhol. Replicare in serie la banalità di una gaffe temo non consegnerà ad altrettanta gloria il Nostro.

    Report

    Rispondi

  • gheron

    08 Febbraio 2019 - 19:07

    E vabbe'!.. Il reddito di cittadinanza è peggio della corazzata Potemkin; farsi vanto di mantenere una volta al governo le idiozie promesse in campagna elettorale è indice di infantilismo patologico; a voler credere che i Nostri siano capaci di moltiplicare pane e pesci e rendere in vino l'acqua ci si riduce con una foglia di fico davanti e un'altra dietro. E allora? Che vogliamo fare? Ritornare a Quelli di prima? Quelli che per noi, i nostri figli, nipoti e pronipoti hanno riempito con una montagna di debiti la calza della befana? Quelli che, per adempimenti previsti nella più bella del mondo, hanno moltiplicato per 20 le mangiatoie pubbliche? Quelli che, politici e sindacalisti e collaterali, si sono assicurati per legge privilegi, stipendi e vitalizi d'oro?.E continuate voi, per altri milioni di caratteri ancora. Erano nati e cresciuti SOLO per assestare un ben meritato calcione nel sedere ai papponi del vapore. Qualcuno per perderli ha fatto credere loro che potessero governare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi