cerca

Sono tutti salvi i ragazzi e l'allenatore intrappolati nella grotta in Thailandia

Dopo diciotto giorni, i dodici i giovani componenti della squadra di calcio e il loro coach sono stati liberati dalla grotta di Tham Luang, dove erano rimasti intrappolati per le forti piogge

10 Luglio 2018 alle 16:37

Loading the player...

Dopo un calvario di diciotto giorni, tutti e dodici i giovani componenti della squadra di calcio thailandese e il loro allenatore sono stati tratti in salvo dalla grotta nel nord del paese nella quale erano rimasti intrappolati dopo che forti piogge hanno causato allagamenti e interrotto la loro uscita dal sistema di grotte di Tham Luang, nella provincia di Chiang Rai, durante un'escursione con il loro allenatore. Lo hanno detto con un post su Facebook, i Navy Seal della marina thailandese al termine del terzo giorno di una complessa missione per portarli fuori. "Tutti i 12 Cinghiali" (così si chiama la loro squadra, i Wild Boars) "e l'allenatore sono stati estratti dalla grotta", recita il testo "Tutti sono al sicuro" viene aggiunto nel post.

   

I subacquei britannici li avevano ritrovati la scorsa settimana. Rannicchiati nell'oscurità su una sporgenza e tagliati fuori dal mondo ma vivi. Allora è iniziata la gara contro il tempo per farli uscire prima che le condizioni meteo peggiorassero ancora. La difficile situazione del gruppo e il pericoloso lavoro per liberarli hanno attirato l'attenzione del mondo. Il primo dei ragazzi è stato portato fuori domenica ma solo oggi sono stati estratti gli ultimi quattro ragazzi e il mister, prima dell'arrivo della pioggia e del buio della sera. Subacquei internazionali assieme a quelli del Seal thailandese hanno svolto un ruolo fondamentale in una missione di salvataggio senza precedenti. I Wild Boars erano entrati nel complesso delle grotte di Tham Luang il 23 giugno.

    

Una squadra di 90 subacquei esperti – 40 dalla Thailandia e 50 dall'estero – hanno lavorato nelle grotte di Tham Luang. Hanno guidato i ragazzi e il loro allenatore attraverso l'oscurità e i passaggi sommersi verso la bocca del sistema di grotte. Andare e tornare dai ragazzi intrappolati è stato un viaggio estenuante, anche per subacquei esperti, tra tratti da percorrere a piedi, guadi, arrampicate e immersioni nelle acque fangose. Ogni ragazzo ha indossato una maschera che copre l'intero viso, più facile per i subacquei alle prime armi rispetto ai respiratori tradizionali, ed è stato accompagnato da due sommozzatori, che portavano anche la sua riserva d'aria. La parte più difficile era circa a metà strada in una sezione chiamata "T-Junction", così stretta che i subacquei hanno dovuto togliersi le bombole per passare. Saman Kunan, ex ufficiale della Navy Seal thailandese, ha perso la vita per la rarefazione dell'aria nella grotta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi