cerca

Il piano B ora lo studia Macron

Cedere all’Italia presa dalla “lebbra” populista ha un costo troppo alto per l’Ue

22 Giugno 2018 alle 18:30

Il piano B ora lo studia Macron

Emmanuel Macron (foto LaPresse)

La “lebbra” nazionalista, anche se solo politica, va isolata. E’ questo il senso delle parole di Emmanuel Macron, che rispecchiano un sentimento sempre più dominante a Bruxelles e in altre capitali. Con il governo tutto populista diretto da Giuseppe Conte si negozia, pronti a fare compromessi quando possibile, ma non si può cedere al ricatto e violare regole di base e principi fondamentali. Il presidente francese lo ha detto il 13 giugno a proposito dell’Aquarius: “E’ da un anno che lavoriamo mano nella mano con l’Italia in modo esemplare. Abbiamo ridotto di un decimo gli arrivi (…). Se do ragione a chi cerca la provocazione, aiuto i democratici? Non dimentichiamoci chi ci ha chiamato in causa”. Lo ha ribadito il 19 giugno con Angela Merkel: “Non risponderemo mai in modo positivo a strategie chiaramente non cooperative”. Il riferimento giovedì alla “lebbra” non è solo insofferenza per le grida isteriche di Matteo Salvini o Luigi Di Maio. E’ l’annuncio di una strategia in quella che lo stesso Macron ha definito come una scelta di “civilizzazione”. Il costo di cedere all’Italia populista è politicamente più alto dei costi economico-finanziari di un’uscita dell’Italia da Schengen, dall’euro o dall’Ue.

    

Il pericolo per l’Italia di essere esclusa dall’Europa senza controlli alle frontiere potrebbe già concretizzarsi nei prossimi 10 giorni. Dicendo “no” a un accordo bilaterale per limitare i movimenti secondari dei migranti, il trio Conte-Salvini-Di Maio lascia Merkel senza quella “soluzione europea” di cui ha bisogno per impedire al suo ministro dell’Interno, Horst Seehofer, di effettuare i respingimenti alla frontiera. Se il 10 luglio Seehofer metterà in atto la sua minaccia, l’Austria di Sebastian Kurz farà altrettanto chiudendo il Brennero. L’Italia si ritroverà così senza le quote per superare Dublino, senza ripartizioni informali con i movimenti secondari e fuori da Schengen. Lo stesso vale per la zona euro, se il governo andrà avanti con il suo programma facendo esplodere il deficit. Liberarsi dal debito italiano permetterebbe invece a Macron e Merkel di essere molto più ambiziosi sull’approfondimento dell’Unione economica e monetaria, senza incontrare le resistenze dei paesi del nord che temono di dover pagare per gli spendaccioni italiani. Per contro, fare regali politici o finanziari all’Italia populista oggi significa preparare la vittoria domani di Marine Le Pen e Alternativa per la Germania (AfD) con conseguente fine dell’Europa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    23 Giugno 2018 - 18:06

    Evvai col piano B (per becero) di Macron. Ma perché poi avremmo dovuto sottostare alla soluzione del galletto Vallespluga per riprenderci i clandestini nel frattempo andati dove volevano andare e mantenere da noi i nuovi sbarchi. Ma solo un cretino poteva accettare una roba del genere, che vogliono far passare come "civilizzazione". Anduma bin!. Gli sproloqui di Macron appaiono come excusatio non petita: quando Salvini ha detto di no all'Aquarius, solo uno con la coscienza sporca e che sa di non avere le carte in regola si sarebbe sentito tirato in ballo. E così è stato. Ci vogliono fuori da Schengen? Me ne farò una ragione. Ci vogliono fuori dall'euro? Stiano attenti per primi loro, l'euro ha rischiato di cadere anche solo per la Grecia. Dice l'ottimo Sechi "Il presidente della Francia si è rivelato quel che era: un populista in casa, bonapartista, europeista nella misura in cui la politica europea è espressione di Parigi. Un mito che nel confronto con l'Italia ha rivelato il peggio"

    Report

    Rispondi

    • adebenedetti

      27 Giugno 2018 - 16:04

      Non posso che condividere il suo giudizio su Sechi. Forse e`per quel che pensa e scrive che non lavora piu` al Foglio.

      Report

      Rispondi

  • sara.romoli74

    23 Giugno 2018 - 16:04

    Ma siete poi così sicuri che non faccia un po' comodo a tutta l'Europa che l'Italia faccia ciò che, in fondo, nei fatti stanno facendo tutti, ovvero respingere i migranti? In realtà penso che stiamo facendo un favore agli altri paesi europei: loro schivano i problemi, la colpa la prendiamo noi.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    23 Giugno 2018 - 11:11

    Macron che tanto piace a pol.corr. chic è un fighetto di pura razza franzè .E' bastato raschiare la sua patina di scolaro (!) dell'alta scuola di amministrazione e banca varie per mostrare che è il solito senza mutande trasmigrato nella borghesia tipica della Francia di mezzo.

    Report

    Rispondi

  • cmedeo

    22 Giugno 2018 - 20:08

    Questo si chiama in inglese wishful thinking

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi