Avanti pop: Kim Jong-un stringe la mano ai musicisti di Seul

Redazione

C'erano anche il dittatore nordcoreano, Kim Jong-un, e la moglie al concerto di gruppi K-Pop che si sono esibiti a Pyongyang. Il leader della Corea del nord ha assistito domenica all'esibizione di vari artisti sudcoreani, tra cui la popolare girl-band Red Velvet. Kim ha stretto la mano ai musicisti e posato in alcune foto di gruppo. Un gesto impensabile fino pochi mesi fa. Il governo comunista ha sempre vietato la diffusione della musica pop e dei film sudcoreani.

 

 

È la prima volta, in oltre 10 anni, che un gruppo sudcoreano si esibisce a Pyongyang, in quello che è considerato un ulteriore segnale di distensione tra i due paesi, che la settimana prossima si incontreranno a Panmunjom, nel "villaggio della tregua" all'interno della zona demilitarizzata. "La primavera sta arrivando" era il titolo del concerto che si è tenuto domenica sera nell'East Pyongyang Grand Theatre che può contenere fino a 1.500 spettatori. 

   

Per approfondire

La Cina alla deriva? Il K-pop ci salverà

C'è molta attesa per i concerti d'amicizia che artisti sudcoreani avranno al Nord, e che fanno parte dello scambio culturale promosso dalla "Sunshine policy" del governo di Seul. Il primo si terrà a Pyongyang il primo di aprile

Seoul vuole mandare il papà del Gangnam Style a Pyongyang

Ma la Corea del Nord teme il lato provocatorio del rapper Psy

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.