Un elicottero precipita nell'East River, a New York

Redazione

Sono tutte morte le cinque persone che si trovavano a bordo dell'elicottero utilizzato per i giri turistici sopra New York precipitato la notte scorsa nell'East River. Secondo un portavoce dei vigili del fuoco i tre passeggeri, che erano stati estratti vivi ma in condizioni gravissime dal velivolo sommerso, sono deceduti all'ospedale di Bellevue dove erano stati ricoverati. Altri due passeggeri erano stati dichiarati morti al momento del recupero dal velivolo. L'unico superstite è il pilota dell'elicottero che invece è riuscito a gettarsi fuori dal velivolo al momento dell'impatto con l'acqua. Anche lui è stato ricoverato in ospedale, ha reso noto Daniel Nigro, capo del dipartimento dei vigili del fuoco.

 

Le squadre dei sommozzatori sono scese fino a 15 metri nelle acque gelide del fiume per le operazioni di soccorso, ha spiegato Nigro ai giornalisti. Il salvataggio è stato rallentato dal fatto che i passeggeri avevano tutti le cinture di sicurezza molto strette. Secondo quanto ha reso noto la Federal Aviation Administration, l'incidente è avvenuto alle 7 di sera, ora di New York, nel tratto di fiume tra Manhattan e i Queens. L'elicottero, che appartiene alla flotta dei Liberty Helicopters, era stato noleggiato per un servizio fotografico. La notte scorsa a New York il cielo era sereno e al momento non vi sono indicazioni sulle cause dell'incidente su cui oggi la National Trasportation Safety Board avvierà un'indagine. Secondo una tv locale il pilota prima di precipitare aveva lanciato l'Sos e testimoni hanno raccontato di aver visto il pilota uscire dal velivolo e gettarsi in acqua con un salvagente.

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.